Trasferimento del ramo d’azienda, fittizio in assenza della preesistente autonomia

Trasferimento del ramo d’azienda, fittizio in assenza della preesistente autonomia

di Redazione

Versione PDF del documento

Secondo la Corte di Cassazione non è ravvisabile il trasferimento di ramo d’azienda (art. 2112 c.c.) nel caso in cui il ramo stesso (nella fattispecie il settore di manutenzione informatica) non sia preesistente alla cessione e dotato di struttura aziendale autonoma.

In particolare la Suprema Corte, con la sentenza n. 10128 del 9 maggio 2014, ha statuito il carattere fittizio della cessione del ramo d’azienda concordata tra le due società, in quanto l’operazione non si configura come un trasferimento di una struttura aziendale provvista di preesistente autonomia organizzativa ed economica, ma consiste oiuttosto in una mera esternalizzazione di servizi, per cui ricorre la fattispecie della cessione dei contratti di lavoro, che necessita per il suo perfezionamento del consenso dei lavoratori ceduti.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!