Non può essere licenziato il lavoratore che rifiuta di modificare l’orario part-time

Non può essere licenziato il lavoratore che rifiuta di modificare l’orario part-time

di Redazione

Versione PDF del documento

Nella sentenza n. 14833 del 4 settembre, la Corte di Cassazione ha chiarito che qualora il dipendente venga licenziato in conseguenza del suo rifiuto a modificare la distribuzione dell’orario part-time precedentemente concessogli dall’azienda, il provvedimento deve considerarsi illegittimo. La Suprema Corte ha così annullato il licenziamento imposto ad un magazziniere che non aveva dato la sua disponibilità a cambiare turno. Ad avviso dei giudici, la scarsa flessibilità nell’accettare i nuovi orari non può essere considerata giusta causa di licenziamento, e, ai fini della reintegra nel posto di lavoro, la prova incombe sempre sull’imprenditore.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!