L’instaurazione di una convivenza di fatto non incide sull’assegno di mantenimento

di Redazione
PDF
Lo hanno deciso le Sezioni Unite CIVILI lo scorso 5 novembre stabilendo che:” una nuova convivenza non esclude il diritto all’assegno di mantenimento.

L’ex coniuge non può più pretendere la componente assistenziale dell’assegno, ma ha diritto alla liquidazione della componente compensativa, che verrà calcolata tenendo conto di diversi fattori.

La questione era stata rimessa alle Sezioni Unite con l’ordinanza n. 28995/2020 con la quale la Prima Sezione della Corte di Cassazione aveva richiesto un intervento ai sensi dell’art. 374, secondo comma c.p.c. ponendo il seguente quesito di diritto: “se, instaurata la convivenza di fatto, definita all’esito di un accertamento pieno su stabilità e durata della nuova formazione sociale, il diritto dell’ex coniuge, sperequato nella posizione economica, all’assegno divorzile si estingua comunque per un meccanismo ispirato ad automatismo, nella parte in cui prescinde di vagliare le finalità proprie dell’assegno, o se siano invece praticabili altre scelte interpretative che, guidate dalla obiettiva valorizzazione del contributo dato all’avente diritto al patrimonio della famiglia e dell’altro coniuge, sostengano dell’assegno divorzile, negli effetti compensativi suoi propri, la perdurante affermazione, anche, se del caso, per una modulazione da individuarsi nel contesto sociale di riferimento.”

Nel dettaglio, la Sezione rimettente dissente dall’orientamento secondo il quale la convivenza more uxorio sia idonea, laddove abbia i caratteri della stabilità e della continuità, a far cessare automaticamente il diritto all’assegno divorzile. Tale consolidata giurisprudenza muove dall’assunto secondo il quale, in virtù del già citato principio di auto-responsabilità, l’ex-coniuge che decide coscientemente di intraprendere una nuova convivenza accetta, come conseguenza, quella di un detrimento della precedente posizione di vantaggio. Sicché in questo caso, al pari delle nuove nozze, non sarebbe necessaria alcuna valutazione da parte del giudice una volta accertata la costituzione della nuova famiglia.

Il motivo del dissenso è da rinvenire nella riconosciuta funzione retributivo-compensativa dell’assegno divorzile da parte delle Sezioni Unite nella sentenza n. 18287/2018.

Invero, posto che la ratio dell’assegno è quella di ristorare l’ex coniuge per quanto fatto e sacrificato nell’interesse della famiglia e dell’altro coniuge, non può escludersi per intero il diritto allo stesso qualora il beneficiario economicamente più debole instauri una stabile convivenza.

Ne consegue che, secondo la Sezione rimettente, tramite una lettura evolutiva che si emancipi dall’ottica meramente assistenziale dell’assegno divorzile, il diritto all’assegno possa permanere anche in caso di nuova convivenza, ferma restando la possibilità per il giudice di una modulazione dello stesso.

La decisione delle Sezioni Unite

Una nuova convivenza non comporta di per sé la perdita automatica e integrale del diritto all’assegno di divorzio in favore del coniuge economicamente più debole. Lo hanno deciso le Sezioni unite della Cassazione con la sentenza n. 32198 pubblicata il 5 novembre (e qui allegata). La scelta di avviare un nuovo percorso di vita, però, non è irrilevante: come conseguenza, l’ex coniuge non può più pretendere la componente assistenziale dell’assegno, ma ha diritto alla liquidazione della componente compensativa che verrà quantificata tenendo conto di diversi parametri. Fra questi, come spiega la Corte in una nota, la durata del matrimonio “purché provi il suo apporto alla realizzazione del patrimonio familiare” oppure “del patrimonio personale dell’ex coniuge, nonché le eventuali rinunce concordate ad occasioni lavorative e di crescita professionale in costanza di matrimonio”.

La Corte chiarisce che: “come modalità più idonee di liquidazione dell’assegno limitato alla componente compensativa l’erogazione di esso per un periodo circoscritto di tempo, o la sua capitalizzazione, allo stato attuale possibili soltanto previo accordo delle parti, e valorizza l’importanza dell’attività propositiva e collaborativa del giudice, degli avvocati e dei mediatori familiari per raggiungere la soluzione più rispondente agli interessi delle persone”.

In un settore della società di così veloce evoluzione e di così profonda incidenza sui diritti e sulla vita delle persone sarebbe stato auspicabile, ed è stato più volte invocato in dottrina, un intervento del legislatore per attualizzare e rendere maggiormente satisfattiva degli interessi coinvolti la disciplina normativa relativa alle ricadute patrimoniali della crisi coniugale. In questa situazione, scrivono i giudici, si è lasciato alla giurisprudenza il difficile compito della interpretazione della normativa esistente”.

La questione era già stata rimessa alle Sezioni Unite: “Nuova richiesta di intervento delle Sezioni Unite in materia di assegno divorzile: la nuova convivenza ne determina l’estinzione automatica?”

Il principio di diritto

Le Sezioni Unite, pronunciando su questione di massima di particolare importanza, hanno affermato i seguenti principi di diritto:

– L’instaurazione da parte dell’ex coniuge di una stabile convivenza di fatto, giudizialmente accertata, incide sul diritto al riconoscimento di un assegno di divorzio o alla sua revisione nonché sulla quantificazione del suo ammontare, in virtù del progetto di vita intrapreso con il terzo e dei reciproci doveri di assistenza morale e materiale che ne derivano, ma non determina, necessariamente, la perdita automatica ed integrale del diritto all’assegno.

– Qualora sia giudizialmente accertata l’instaurazione di una stabile convivenza di fatto tra un terzo e l’ex coniuge economicamente più debole questi, se privo anche all’attualità di mezzi adeguati o impossibilitato a procurarseli per motivi oggettivi, mantiene il diritto al riconoscimento di un assegno di divorzio a carico dell’ex coniuge, in funzione esclusivamente compensativa.

– A tal fine il richiedente dovrà fornire la prova del contributo offerto alla comunione familiare; della eventuale rinuncia concordata ad occasioni lavorative e di crescita professionale in costanza di matrimonio; dell’apporto alla realizzazione del patrimonio familiare e personale dell’ex coniuge. Tale assegno, anche temporaneo su accordo delle parti, non è ancorato al tenore di vita endomatrimoniale né alla nuova condizione di vita dell’ex coniuge, ma deve essere quantificato alla luce dei principi suesposti, tenuto conto altresì della durata del matrimonio.

Sul punto:”Coppie di fatto: la registrazione all’anagrafe e i contratti di convivenza”

Volumi consigliati

LA REVISIONE DELL'ASSEGNO DIVORZILE E DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO ALLA LUCE DELL'EMERGENZA SANITARIA

LA REVISIONE DELL'ASSEGNO DIVORZILE E DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO ALLA LUCE DELL'EMERGENZA SANITARIA

Il periodo vissuto dal mese di marzo 2020, ovvero durante l’emergenza sanitaria a livello mondiale, avrà (ed ha già) ripercussioni su tante questioni legate al diritto di famiglia ed in particolar modo anche sull’assegno di mantenimento.

In questo E-book, oltre alla trattazione dell’assegno di mantenimento e di quello divorzile, in tutti i loro aspetti, alla luce della normativa ma soprattutto della giurisprudenza più rilevante e recente sul punto (a partire dalle note decisioni del 2017 e del 2018) spazio viene dato ai provvedimenti di emergenza adottati durante la pandemia ed alle (eventuali) ripercussioni presenti e future sul tema, offrendo in tal modo al professionista uno strumento utile per tutelare i rapporti economici in famiglia.

Leggi descrizione
Manuela Rinaldi, 2020, Maggioli Editore
12.90 € 10.97 €
Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell'11 luglio 2018

Assegno divorzile: i parametri dopo le Sezioni Unite n. 18287 dell'11 luglio 2018

Corredata delle più utili formule di riferimento, l’opera esamina, con taglio pratico e forma accessibile, le questioni maggiormente dibattute relative all’assegno divorzile, fino all’analisi della recente sentenza della Cassazione civile a Sezioni Unite n. 18287 dell’11 luglio 2018.

Attraverso un’originale struttura, il testo risponde ai quesiti che più frequentemente ci si pone, tra cui: in cosa consiste il tenore di vita ed è ancora valido quale parametro? Come si può ottenere la modifica dell’importo dell’assegno? Quali azioni sono esperibili per il recupero dell’assegno?

Con l’ultimo intervento della Suprema Corte, si dà atto di cosa è cambiato e quali siano oggi i parametri di riferimento per la determinazione dell’assegno.
Per garantire uno strumento immediatamente operativo le risposte ai quesiti sono accompagnate dalle principali formule di riferimento.

Manuela Rinaldi Avvocato in Avezzano; Dottore di ricerca in Diritto dell’Economia e dell’Impresa, Diritto Internazionale e Diritto Processuale Civile, Diritto del Lavoro. Incaricata (a.a. 2016/2017) dell’insegnamento Diritto del Lavoro (IUS 07) presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Giurisprudenza. Dal 2011 Docente Tutor Diritto del Lavoro c/o Università Telematica Internazionale Uninettuno; relatore in vari convegni, master e corsi di formazione. Autore di numerose pubblicazioni, monografiche e collettanee.

Leggi descrizione
Manuela Rinaldi, 2018, Maggioli Editore
19.00 € 18.05 €
Manuale operativo di Diritto di famiglia

Manuale operativo di Diritto di famiglia

Con un taglio pratico, l’opera affronta i principali istituti legati ai rapporti familiari, mediante l’analisi della normativa e della giurisprudenza più recente.

In particolare, vengono trattati la separazione ed il divorzio e tutte le conseguenze patrimoniali e personali che derivano dalla cessazione degli effetti matrimoniali.

Spazio è poi dedicato alle unioni civili e ai conviventi, nonché alla posizione del nascituro, quale discusso titolare di diritti.

Completa l’opera la trattazione della tutela penale delle obbligazioni nascenti dal matrimonio, quali l’assistenza e la prestazione del mezzi di sussistenza.

Giuseppe Cassano
Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche della European School of Economics, ha insegnato Istituzioni di Diritto Privato nell’Università Luiss di Roma. Studioso dei diritti della personalità, del diritto di famiglia, della responsabilità civile e del diritto di Internet, ha pubblicato oltre un centinaio di saggi in tema, fra volumi, trattati, saggi e note.

Leggi descrizione
Giuseppe Cassano, Paolo Di Geronimo, Elena Peruzzini, Morena Rapolla, Marzia Rossi, Alessia Salamone, Federica Spinaci, 2020, Maggioli Editore
44.00 € 41.80 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e