È nulla la clausola contrattuale che assimila al recesso il mancato rientro in servizio del lavoratore al termine dell’aspettativa

È nulla la clausola contrattuale che assimila al recesso il mancato rientro in servizio del lavoratore al termine dell’aspettativa

Redazione

Versione PDF del documento

 

Lilla Laperuta

Nella sentenza n. 16507 del 2 luglio 2013 la Corte di cassazione ha stabilito che è nullo il licenziamento comminato dall’azienda al dipendente che non è rientrato al lavoro dopo l’assenza per aspettativa, perché è da considerarsi nulla la clausola contrattuale che introduce una causa di risoluzione del rapporto non prevista dalla legge.

In particolare il Supremo Collegio ha chiarito che la previsione pattizia che qualificava il mancato rientro in azienda al termine dell’aspettativa quale indice della volontà del lavoratore di recedere dal rapporto (per fatti concludenti) non può essere considerata lecita, in quanto, non potendo essere assimilata all’assenza ingiustificata per tre giorni, non può essere riconosciuta a tale norma la facoltà di presumere le intenzioni dimissionarie delle parti.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!