Dal 30 giugno POS obbligatorio per i professionisti, il Tar del Lazio respinge la richiesta di sospensiva

di Redazione

Versione PDF del documento

Condividi con:

Lilla Laperuta

Con ordinanza 30 aprile 2014, n. 01932 il Tar del Lazio ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata dal Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (ad adiuvandum anche il consiglio degli ingegneri) del Decreto Ministeriale  24 gennaio 2014 che, in attuazione dell’articolo 15, co.5 D.L. 179/2012, ha introdotto l’obbligo per i professionisti di dotarsi entro il 30 giugno 2014 di sistemi di pagamento elettronico per l’incasso delle parcelle. In particolare, l’obbligo di accettare pagamenti attraverso carte di debito si applica a tutti i pagamenti di importo superiore a 30 euro a favore di imprese e professionisti per l’acquisto di prodotti o la prestazione di servizi

Secondo i Giudici capitolini tale provvedimento ad una prima e sommaria valutazione non sembra essere illegittimo né sotto il profilo della violazione di legge né sotto quello dell’eccesso o sviamento del potere inidoneo nella circostanza a giustificare la sospensione in via cautelare

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!