Appalti, illegittima l’esclusione dalla gara se la formulazione del bando è ambigua

Appalti, illegittima l’esclusione dalla gara se la formulazione del bando è ambigua

di Redazione

Versione PDF del documento

È stato dichiarato illegittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha escluso da una gara di appalto un’associazione professionale, motivandolo con il fatto che, in contrasto con quanto richiesto dal bando, la medesima associazione ha omesso di indicare sul plico contenente l’offerta il numero di telefono e di fax. L’illegittimità dell’esclusione viene rilevata laddove il bando è formulato in maniera ambigua e tale da non poter ritenere che tutte le descritte modalità di presentazione dell’offerta fossero effettivamente state previste a pena di esclusione.

In particolare, nella sentenza n. 2803 del 19 maggio 2011, il Tar Campania osserva che nel bando in esame è stata utilizzata un’espressione generale che non rivela in alcun modo l’intendimento di sanzionare ogni difformità con l’estromissione tout court dalla procedura. Deve dunque accedersi ad un’interpretazione funzionale della clausola di bando, secondo cui la mancata indicazione del numero di telefono e di fax non costituisce elemento indefettibile dei requisiti formali dell’offerta, sussistendo altri dati idonei ad identificare il concorrente.

Quanto poi all’assunto difensivo secondo il quale tale indicazione sarebbe stata necessaria per consentire alla stazione appaltante di comunicare ai concorrenti a mezzo fax – come imposto dalla legge di gara – la data della seduta in cui sarebbe avvenuta l’apertura dei plichi, il giudice amministrativo osserva come si tratti di un obbligo informativo posto a tutela della sola concorrente – e quindi solo da questa invocabile – la cui mancanza non avrebbe comunque determinato un arresto procedimentale, potendo la stazione appaltante comunque agevolmente acquisire aliunde tali dati o avvalersi di altre modalità di comunicazione. Ciò peraltro senza aggravare il procedimento o ledere il principio della par condicio. (Lilla Laperuta)

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!