Può avere valenza di confessione stragiudiziale anche la denuncia di infortunio all’Inail

Può avere valenza di confessione stragiudiziale anche la denuncia di infortunio all’Inail

di Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Con la sentenza 9 aprile 2013, n. 8611 la Corte di cassazione ha affermato un interessante principio di diritto: può attribuirsi valenza di confessione stragiudiziale ex art. 2735 c.c. ad una denuncia di infortunio sul lavoro nella parte in cui ne descrive, sia pure succintamente le modalità di accadimento e/o ogni altra circostanza di fatto. L’elemento soggettivo della confessione (animus confitendi), si afferma nella sentenza, si configura come mera volontà e consapevolezza di riconoscere la verità del fatto dichiarato, obiettivamente sfavorevole al dichiarante e favorevole all’altra parte, senza che sia necessaria l’ulteriore consapevolezza di tale obiettiva incidenza e delle conseguenze giuridiche che ne possono derivare. Di qui l’attribuzione di valenza di confessione stragiudiziale ex art. 2735 c.c. alla denuncia di infortunio effettuata ex art. 53 D.P.R. n. 1124/1965. A sua volta la confessione, essendo rivolta ad un terzo (Inail), è liberamente apprezzata dal giudice.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!