Procedimento sommario di cognizione e controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale

Procedimento sommario di cognizione e controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale

di Porfilio Mariarosaria, Avv.

Versione PDF del documento

Massima

Notifica – Notifica a cura della Cancelleria – Notifica a cura del Ricorrente – Esclusione – Ratio 

Notifica alle Parti Pubbliche – Termine di Trenta gg – E’ termine finale

 

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI BARI

PRIMA SEZIONE CIVILE

N. 78115 RG

Il Got, avv. Mariarosaria Porfilio, GI,

rientrata dalla camera di consiglio in aula di udienza,

letta la domanda,

ritenuta preliminarmente la propria competenza,

osserva.

Il D.L.vo n. 15011 ha disposto, all’art. 19, che le controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale siano regolate dal rito sommario di cognizione, introdotto dalla L. n. 699, che ha, con l’art. 51, inserito il Capo III Bis nel Libro IV del Codice di rito, in rubrica “Dei procedimenti speciali”.

Il comma 6 del suddetto art. 19 D.L.vo n. 15011 dispone che il ricorso ed il decreto di fissazione dell’udienza sono notificati all’interessato, al PM in Sede ed al Ministero dell’Interno presso la Commissione Territorialmente competente ovvero presso la Commissione Nazionale a cura della Cancelleria.

Trattasi di norma primaria che solo il legislatore può abrogare ovvero modificare, ragion per cui, rilevato il difensore del ricorrente l’omessa notifica ex lege, occorre disporre la rinnovazione della comparizione a cura della Cancelleria e va quindi disattesa la richiesta del difensore del ricorrente di provvedere personalmente alla notifica alle Parti Pubbliche.

Il legislatore, difatti, trattandosi di materia che investe sì lo status delle persone ma anche l’ordine pubblico, ha modulato le controversie in materia di riconoscimento della protezione internazionale in maniera similare alla L. n. 68981, con espresso onere di notifica a carico della Cancelleria, più che utilizzare il cd. Rito del lavoro, con onere di notifica a carico del ricorrente.

A favore di tale esegesi basti considerare che l’art. 702 bis cpc, introdotto nel 2009, al suo co. 3, non prevede espressamente la notifica a cura del ricorrente e tale norma ben si contempera con la norma primaria, successiva e speciale di cui all’art. 19, co. 6, D.L.vo n. 15011.

Quanto ai termini processuali e la fissazione dell’udienza di comparizione dal decreto del GI.

Il procedimento ex art. 702 bis e ss cpc ha introdotto nel sistema ordinario di cognizione, come delineato nell’impianto originario del codice di procedura civile, un rito speciale di cognizione ed alternativo alla consueta risoluzione giudiziaria delle controversie, caratterizzantesi per la semplificazione dell’istruzione, non di certo per la sua sommarietà.

Da diverso tempo l’intervento del Legislatore è teso a rendere l’amministrazione della PA Giustizia, con particolare riferimento al Settore Civile, costituzionalmente conforme ed orientata ai principi espressi dalla nostra Carta Costituzionale agli artt. 97, cpv, quanto all’efficacia, all’efficienza ed all’economicità dell’azione in giudizio, e 111, cpv, quanto alla ragionevole durata del processo.

In tale ottica questo giudicante legge, interpreta ed applica i termini indicati nel co. 3 dell’art. 702 bis cpc.

Ne consegue che i trenta giorni per la notifica alle controparti sono termini finali e non termini iniziali, il che finora, invece, è accaduto.

PQM

dispone la rinnovazione della comparizione delle parti dinanzi a sé per l’udienza del 19315 ore 10.00 a cura della Cancelleria con notifica del ricorso introduttivo del presente giudizio, il decreto di fissazione dell’udienza, il presente processo verbale di udienza ed il contestuale provvedimento reso in udienza al Pubblico Ministero in Sede ed alla Commissione Territoriale Competente almeno quindici giorni prima della data fissata per la nuova udienza,

assegna il termine del decimo giorno anteriore per la costituzione in giudizio delle controparti (Amministrazione e Pubblico Ministero),

– riserva ogni altro provvedimento nel contraddittorio delle parti.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

porfilio-mariarosaria

Porfilio Mariarosaria

Giudice onorario del Tribunale di Bari Ha frequentato un corso di perfezionamento post laurea in Diritto del lavoro; è iscritta all’Albo Criminologi c/o Unintess, ID-Card n. A0013-13. E’ risultata idonea all'iscrizione nell'Elenco Regione Puglia dei Tutori legali volontari dei minori. Si occupa principalmente di immigrazione e protezione internazionale, successioni e famiglia, proprietà. Dal 2015 abbandona l'attività forense e si dedica all'attività di giudice onorario di Tribunale nell'area di competenza principale di Immigrazione, Protezione internazionale e Libera circolazione cittadini UE, motivo per cui viene inserita , quale esclusivista, nella neo istituita, ex DL 13/2017, conv., con modifiche , il L. n. 46/2017, Sezione Specializzata Immigrazione, Protezione internazionale e Libera circolazione cittadini UE presso il Tribunale di Bari.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!