Per la Cassazione ora sono impugnabili gli avvisi bonari dell’Agenzia delle Entrate

Per la Cassazione ora sono impugnabili gli avvisi bonari dell’Agenzia delle Entrate

di Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Questo il nuovo indirizzo inaugurato dal Supremo Consesso nella sentenza 11 maggio 2012, n. 7344. Per la Corte di Cassazione, seguendo una lettura costituzionalmente orientata, è ammissibile il ricorso avverso la comunicazione di irregolarità (“avviso bonario”), notificata dall’Agenzia delle Entrate in conseguenza ad attività di liquidazione o di controllo formale (la fattispecie è contemplata agli artt. 36bis e 36ter, D.P.R. n. 600/1973). L’avviso bonario, si legge nella sentenza, costituisce una pretesa impositiva perfetta e pertanto, alla luce del diritto di difesa costituzionalmente garantito (art. 24 Cost.), l’art. 19 D.Lgs. n. 546/1992 (rubricato “Atti impugnabili e oggetto del ricorso”) deve assicurare anche la possibilità di ricorrere avverso questo tipo di atti, allo stato dunque non annoverati fra gli atti impugnabili.

La pronuncia è innovativa; sconfessa infatti precedenti orientamenti espressi sia dall’Agenzia delle Entrate, nella specie nella Risoluzione n. 110/2010, sia dalla stesso organo di legittimità.

Si ricordano le sentenze 24 luglio 2007, n. 16293, e 26 luglio 2007, n. 16428, con le quali le sezioni unite della Cassazione hanno chiarito che i predetti “avvisi bonari” non sono immediatamente impugnabili innanzi alle Commissioni tributarie, in quanto costituiscono un invito a fornire eventuali dati o elementi non considerati o valutati erroneamente nella liquidazione dei tributi. Quindi manifestano una volontà impositiva ancora in itinere e non formalizzata in un atto cancellabile solo in via di autotutela (o attraverso l’intervento del giudice).

Ai fini dell’accesso alla tutela giurisdizionale innanzi ai giudici tributari sino ad oggi i giudici hanno sempre ritenuto essenziale che il tenore dell’atto manifesti – ciò che non si verifica invece con i c.d. “avvisi bonari” – una “pretesa tributaria compiuta e non condizionata, ancorché accompagnata dalla sollecitazione a pagare spontaneamente per evitare spese ulteriori …”. Orientamento questo riconfermato dalle sezioni unite, nelle successive sentenze 9 dicembre 2009, n. 25699 e 15 giugno 2010, n. 14373 nelle quali si chiarisce in termini ancora più esplicativi che le comunicazioni al contribuente recapitate ai sensi degli articoli 36bis, D.P.R. n. 600/1973, si sostanziano, in un mero invito al contribuente a fornire, in via preventiva, elementi chiarificatori delle anomalie riscontrate in sede di liquidazione automatizzata della dichiarazione e non sono, dunque, espressione di un potere pubblicistico autoritativo, non contenendo una pretesa impositiva definitiva e non producendo effetti negativi immediati per il destinatario.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!