In materia edilizia è di trenta giorni il termine assegnato all’Amministrazione Comunale per vietare la prosecuzione dell’attività avviata con SCIA in carenza dei necessari presupposti.

In materia edilizia è di trenta giorni il termine assegnato all’Amministrazione Comunale per vietare la prosecuzione dell’attività avviata con SCIA in carenza dei necessari presupposti.

di Pagano Iride, Avv.

Qui la sentenza: Tribunale Amministrativo Regionale della Campania-Sezione staccata di Salerno (Sezione Prima); Presidente Amedeo Urbano;

Versione PDF del documento

La sentenza breve che segue chiarisce che l’art. 5, comma 1, lettera b), del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre Europeo – Prime disposizioni urgenti per l’economia), convertito in legge, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 12 luglio 2011, n. 106, ha affermato che la SCIA trova applicazione anche con riguardo agli interventi edilizi precedentemente compiuti con la DIA (con esclusione dei casi in cui la denuncia è alternativa o sostitutiva del permesso di costruire: art. 5, comma 2, lettera c), mentre la precedente lettera b), numero 2), dello stesso comma ha ridotto, per la sola materia dell’edilizia, da 60 a 30 giorni il termine assegnato all’Amministrazione per vietare la prosecuzione dell’attività avviata in carenza dei necessari requisiti e presupposti.

Nel caso di specie, rispetto al termine  di trenta giorni, il provvedimento impugnato risulta tardivo, avuto riguardo al lasso temporale intercorrente tra la data di deposito della Scia  e quella di adozione del provvedimento inibitorio impugnato.

In particolare, sottolinea la sentenza, la Scia, una volta perfezionatasi, costituisce un titolo abilitativo valido ed efficace, sotto tale profilo equiparabile, seppur esclusivamente “quoad effectum“, al rilascio del provvedimento espresso, che può essere rimosso, per espressa previsione legislativa, solo attraverso l’esercizio del potere di autotutela decisoria, nel rispetto delle prescrizioni recate dall’art. 19, comma 4, l. n. 241/1990.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pagano Iride

Pagano Iride

Svolge la professione in Nocera Inferiore (SA) Ha ottenuto una borsa di studio presso la L.U.I.S.S.-Roma in Diritto degli Enti Locali Ha maturato esperienza professionale di difesa e rappresentanza in giudizio, anche innanzi alle Giurisdizioni Superiori, a favore sia di privati che di Amministrazioni Pubbliche Locali. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, con particolare riferimento all'urbanistica, all'edilizia, al risarcimento danni nei confronti della P.A., alle procedure a evidenza pubblica,  al giudizio di esecuzione del giudicato; di diritto civile nei rapporti paritetici con la P.A..


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it