Consulta: incostituzionali i tagli agli stipendi dei dirigenti di p.a.

Consulta: incostituzionali i tagli agli stipendi dei dirigenti di p.a.

Redazione

Versione PDF del documento

Bocciati I tagli agli stipendi superiori ai 90mila euro, stabiliti dal dl 78/2010

 

Alessandro Camillini (tratto da www.lagazzettadeglientilocali.it)

 

La Consulta si è pronunciata; i tagli agli stipendi superiori ai 90mila euro dei soli dipendenti pubblici, stabiliti dal decreto legge numero 78 del 2010, sono incostituzionali. Nella fattispecie è stata stabilita l’illegittimità dell’articolo 9, nella sezione in cui norma che a partire dal primo gennaio 2011 e sino al 31 dicembre 2013 “i trattamenti economici complessivi dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, previsti dai rispettivi ordinamenti, delle amministrazioni pubbliche, siano ridotti del 5% per la parte eccedente il predetto importo fino a 150.000 euro, nonché del 10% per la parte eccedente 150.000 euro”. Secondo la Corte, infatti, “il tributo imposto determina un irragionevole effetto discriminatorio”.

La Consulta ritiene che le disposizioni emanate dal Governo siano “in evidente contrasto” con gli articoli 3 (Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge) e 53 (Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva) della Carta Fondamentale. “L’introduzione di una imposta speciale, sia pure transitoria ed eccezionale, in relazione soltanto – si legge nella sentenza – ai redditi di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione víola, infatti, il principio della parità di prelievo a parità di presupposto d’imposta economicamente rilevante”.

Secondo i giudici delle leggi, “da un lato, a parità di reddito lavorativo, il prelievo è ingiustificatamente limitato ai soli dipendenti pubblici. D’altro lato, il legislatore, pur avendo richiesto (con l’art. 2 del d.l. n. 138 del 2011) il contributo di solidarietà (di indubbia natura tributaria) del 3% sui redditi annui superiori a 300.000,00 euro, al fine di reperire risorse per la stabilizzazione finanziaria, ha inopinatamente scelto di imporre ai soli dipendenti pubblici, per la medesima finalità, l’ulteriore speciale prelievo tributario oggetto di censura”.

“Nel caso in esame, dunque, l’irragionevolezza – dichiara la Consulta – non risiede nell’entità del prelievo denunciato, ma nella ingiustificata limitazione della platea dei soggetti passivi. La sostanziale identità di ratio dei differenti interventi di solidarietà, poi, prelude essa stessa ad un giudizio di irragionevolezza ed arbitrarietà del diverso trattamento riservato ai pubblici dipendenti, foriero peraltro di un risultato di bilancio che avrebbe potuto essere ben diverso e più favorevole per lo Stato, laddove il legislatore avesse rispettato i principi di eguaglianza dei cittadini e di solidarietà economica, anche modulando diversamente un ‘universale’ intervento impositivo”.

La Corte costituzionale non limita il potere di intervento del Governo in merito alla materia “L’eccezionalità della situazione economica che lo Stato deve affrontare – argomenta la sentenza – è, infatti, suscettibile senza dubbio di consentire al legislatore anche il ricorso a strumenti eccezionali, nel difficile compito di contemperare il soddisfacimento degli interessi finanziari e di garantire i servizi e la protezione di cui tutti cittadini necessitano. Tuttavia, è compito dello Stato garantire, anche in queste condizioni, il rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento costituzionale, il quale, certo, non è indifferente alla realtà economica e finanziaria, ma con altrettanta certezza non può consentire deroghe al principio di uguaglianza, sul quale è fondato l’ordinamento costituzionale. In conclusione, il tributo imposto determina un irragionevole effetto discriminatorio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it