Considerata falsa la fattura per consulenza in assenza di un accordo scritto con il professionista

di Redazione

Versione PDF del documento

Condividi con:

Lilla Laperuta

Con l’ordinanza 12 marzo 2013, n. 6203, la Corte di Cassazione ha ritenuto che legittimamente l’Amministrazione finanziaria possa ritenere  falsa una generica fattura per consulenza e negare, pertanto, la detrazione dell’IVA,  in assenza di un contratto scritto con il professionista. In particolare, è stato affermato dal Supremo Collegio che, nel caso in cui gli elementi riportati sulla fattura siano vaghi, scaturiscono delle presunzioni semplici in favore dell’Agenzia, con conseguente onere della prova a carico del contribuente. Il contribuente, per ottenere legittimamente la detrazione, deve dimostrare l’esistenza di un effettivo contratto di consulenza scritto con un professionista o con un’impresa.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!