Semiologia e semantica giuridica

Semiologia e semantica giuridica

Sabetta Sergio

Versione PDF del documento

Nel discorso si sviluppano una serie di scelte mediante le quali si escludono o semplicemente si eludono alcuni significati, questo permette la combinazione di nuove frasi inedite virtualmente infinite a cui si contrappone un repertorio determinato di segni.

Frege ha distinto una doppia visione del linguaggio, una ideale senza una appartenenza al mondo fisico l’altra di riferimento alla realtà, tale passaggio dal senso ideale al riferimento reale costituisce l’anima del linguaggio trasfuso nel segno e rapportato sia alla struttura del sistema che alla sua funzione nella frase; sottolinea a sua volta Chomsky la necessità che la padronanza delle regole di un linguaggio permetta a un locutore esercitato una generazione dinamica di nuove frasi al momento opportuno e queste possano essere comprese immediatamente da interlocutori altrettanto esercitati.

Il segno atemporale è restituito all’universo dello spazio e del tempo attraverso l’articolo e il verbo, rendendolo capace di cogliere il reale (Guillaume), si passa dall’inventario strutturale dei segni alle operazioni strutturanti.

Dobbiamo considerare che il vocabolo è al contempo molto più ampio e molto più ristretto della frase, esso “nomina” mentre la frase “dice”, nomina secondo la sua posizione nella frase, essendo tuttavia elemento costitutivo della frase sopravvive ad essa ed alla sua transitorietà per ulteriori nuovi usi, carico di nuovi valori di uso nel sistema, ma questo processo cumulativo è bloccato dalle vicendevoli limitazioni dei segni interni al sistema stesso.

Tutti i nostri vocaboli sono polisemici, con una pluralità di significati, ma è il contesto che ne determina l’univocità, fino a un discorso univoco che Greimas chiama una “isotopia”, è chiaro che questa non è il risultato di una sola frase ma del concatenarsi di più frasi, analogamente alla norma che definisce il senso univoco dei vocaboli o termini giuridici attraverso il concatenarsi di frasi.

Se il sistema linguistico è virtuale e atemporale, il discorso è comunque realizzato nel tempo, esso nell’effettuarlo costituisce un evento, compreso tuttavia come senso ( Ricoeur), altrettanto ogni norma è premessa dell’evento e dà forma al senso giuridico in esso compreso.

La scrittura fissa il linguaggio in un sistema atemporale che non appare, né scompare, in quanto non avviene, quindi la scrittura fissa non l’evento del dire ma “l’esteriorizzazione intenzionale costitutiva del disegno del discorso” nella quale il dire diventa enunciato, l’obiettivo non è l’evento in sé ma il senso della parola – evento ( Ricoeur).

Nello scritto intenzione della fonte – autore e senso del testo cessano di coincidere in una immediata dissociazione, il testo viene a prevalere sulla fonte e l’esegesi si sviluppa all’interno del senso, solo l’interpretazione rimedia all’eventuale fragilità del testo e calando la norma nell’evento ne dà la forma riacquistando la carnalità psicologica dell’uomo nel suo quotidiano concatenarsi di eventi, pertanto la formazione diventa un progetto di un essere- al – mondo, svincolandosi dall’attuale si rivela una progettazione del mondo ( Heidegger) nata dalle stesse necessità pragmatiche del mondo.

Così come scrivere un testo o leggere un testo sono due atti differenti, altrettanto stendere una norma e leggerla sono due atti differenti, vi è prima un liberarsi della scrittura dal discorso iniziale e successivamente un liberarsi della lettura dallo scritto, tanto che il legislatore “muore” con la stesura del testo, esso non risponde !

Il dialogo preserva il contesto della realtà del discorso in un sottile equilibrio tra separazione dei segni dal mondo delle cose e riimmersione nel mondo, la scrittura distrugge tale rapporto, cristallizza al momento, e proprio la successiva lettura come interpretazione attualizza i segni nel mondo dando nuovo valore alla parola; nascono due possibilità la “spiegazione” in cui si rimuove la sospensione del testo completandolo e l’ “interpretazione” nella quale si lega il testo al contesto attuale, creando un nuovo discorso attualizzato, collegando dinamicamente la norma ad altre realtà ( Ricoeur).

L’interpretazione si risolve anche in un’autointerpretazione del soggetto, in una riflessione mediata dai segni e dalle opere culturali con cui si completa il discorso del soggetto con una dimensione che da semiologica diventa semantica, viene quindi spezzata la pura relazione interna alla struttura in una simultanea costituzione del sé e del significato.

Se la narrazione presenta due aspetti uno apparente e manifesto, l’altro latente ed occulto altrettanto la formazione è una narrazione imperativa che nel suo disporre copre una narrazione latente costituente il “mito” da cui è origine, da questo ne deriva che spiegare e interpretare non sono che fasi di uno stesso circolo ermeneutico della lettura non risiedente nelle intenzioni del legislatore in cui il testo è la direzione su cui si aprono nuovi pensieri.

Se il “mito” e la descrizione che ne consegue rappresentano una “scelta culturale”, proprio tale scelta rende impossibile un’interpretazione infinita mentre l’eliminazione del tempo dalla descrizione crea a sua volta una logica atemporale nella quale gli elementi narrativi entrano in relazione fra loro e creano sequenze narrative le cui estremità diventano punti di commutazione, si creano due livelli “ i segni che obbediscono al calcolo combinatorio e la frase che è l’unità del discorso” ( Lévi – Strauss).

Nella norma vi è il tentativo di creare una univocità di tutti gli elementi secondo il principio che ammette un unico senso per ogni parola, in modo che ne scaturiscano delle categorie, in altri termini vi è una limitazione del codice secondo i principi del lessico, quale frutto di una sensibilità del contesto, in questo vi è una ripetibilità consuetudinaria professionalizzante e una riduzione della complessità mediante attrattori caotici ( interpretazioni autentiche accentrate) che ne impediscono la caoticità per ambiguità ed equivocità.

Se il linguaggio polisemico è una economia a livello di codice, la sua ambiguità non può essere ridotta nella norma mediante il solo contesto interpretativo, in quanto prescrizione di azione nel contesto ambientale devono intervenire ulteriori elementi di riduzione dell’ambiguità insita nel lessico, interviene quindi un linguaggio scientifico separato dal restante universo della parola, ma vi è una sospensione del linguaggio giuridico fra questi due mondi, volendosi astrarre dal linguaggio puramente narrativo non riesce a diventare un linguaggio esclusivamente scientifico dotato di propri simboli artificiali, quello che persegue è una sua coerenza di struttura interna intorno ad un linguaggio il più possibile monologico.

Bibliografia

  • G. Frege, logica e aritmetica, 1965;

  • N. Chomsky, saggi linguistici, 1969;

  • G. Guillaume, Temps et Verbe, 1929;

  • A. J. Greimas, semantica strutturale, 1969;

  • P. Ricoeur, La sfida semiologica, 1974;

  • M. Heidegger, Tempo e essere, 2000;

  • C. Lévi-Strauss, Il pensiero selvaggio, 1964.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it