Green pass e mascherine: diminuzione restrizioni a giugno

di Redazione
PDF

Non è stato rinnovato l’obbligo di green pass per entrare in Italia, e, dal 15 giugno, verranno ulteriormente alleggeriti gli obblighi sulle mascherine al chiuso.

Niente Green pass in entrata dal 1° giugno

Con l’avvicinarsi della stagione del turismo il ministro Speranza si allinea alla maggioranza dei Paesi europei che hanno ormai tolto le misure anti-covid all’ingresso. Già con l’ordinanza del 28 aprile era stato abolito, in ottica di semplificazione, il modulo di tracciamento per i viaggiatori in ingresso, mantenendo tuttavia l’obbligo di esibizione del Green pass. Il 31 maggio, tuttavia, anche quell’ordinanza raggiungerà la data di scadenza, e l’idea è quella di non rinnovarla, facendo decadere anche quest’ultima misura.

Cambiamenti sulle mascherine dal 15 giugno

Dal 15 giugno, inoltre, le mascherine dovrebbero sparire anche nei luoghi di divertimento al chiuso (teatri cinema ecc…), mentre è possibile che rimangano per i mezzi di trasporto a lunga percorrenza e negli ambienti sanitari (ospedali ed RSA). Pare invece certo che l’obbligo della mascherina resterà per le scuole fino alla fine dell’anno scolastico, con la speranza di iniziare il prossimo senza.

Bisognerà aspettare fino al 30 giugno per una revisione del protocollo che prevede l’utilizzo della mascherina negli ambienti condivisi dei luoghi di lavoro privati, a differenza di quelli pubblici, dove la mascherina è solo consigliata già dal 29 aprile.

Approfondimenti sui precedenti provvedimenti anti-covid:

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e