Figura dell’Abogado e iscrizione all’albo: necessaria una valutazione sull’attività svolta

di Redazione
PDF

Il Consiglio Nazionale Forense ha il compito di “apprestare tutela alla funzione giudiziaria in Italia, ossia evitare che operino soggetti scarsamente qualificati o che siano all’oscuro delle peculiarità del diritto italiano.

Abogado l’iscrizione all’Albo

Investito di gravame avverso la decisione con cui il COA di Firenze ha rifiutato ad un Abogado l’iscrizione all’Albo previa dispensa dalla prova attitudinale, il CNF, con la sentenza n. 27 del 20 febbraio 2021, ha ribadito che i COA nella valutazione di tali domande dispongono di un “potere di ampio spettro” al fine di verificare l’effettivo e regolare esercizio della professione forense in Italia per almeno tre anni.

Nella pronuncia il CNF, richiamando precedenti sentenze, tra cui la n. 99/2019, chiarisce che tale verifica deve attuarsi, da parte dei COA, controllando che il richiedente abbia concretamente operato sul foro nazionale con atti o attività stragiudiziali documentate e riferite ad un periodo di tempo privo di rilevanti interruzioni.

COA deve verificare l’attività professionale svolta dal richiedente

Alla luce dei principi esposti, il CNF ha precisato che i COA debbono verificare che l’attività professionale svolta dal richiedente sia di durata non inferiore a tre anni, “effettiva” e quindi non formale o addirittura fittizia, “regolare” e quindi nel rispetto della legge forense e del codice deontologico, nonché svolta con il titolo professionale di origine.

La verifica dell’attività professionale svolta in Italia da parte dei COA non deve essere meramente formale e limitarsi ad una verifica numerica degli affari trattati dall’Abogado richiedente.

Il CNF ha chiarito infatti che i COA possono accertare la tipologia e qualità delle prestazioni rese dall’istante attraverso l’audizione di testimoni, la richiesta di informazioni agli uffici interessati nonché invitando l’istante a fornire ogni necessario chiarimento in ordine agli elementi ed alla documentazione prodotta.

Volume consigliato

Il compenso dell’Avvocato - e-Book in pdf

Il compenso dell’Avvocato - e-Book in pdf

L’e-Book affronta le diverse casistiche di mancato pagamento, totale o parziale, degli onorari dell’Avvocato e i relativi strumenti di recupero delle spettanze, di tipo stragiudiziale e giudiziale.

Il linguaggio tecnico è a supporto del carattere estremamente pratico dell’opera, che si pone come strumento operativo a sostegno del diritto al compenso del Professionista.

 

Alessio Antonelli
Avvocato cassazionista, è Senior Associate dello Studio Legale Lipani Catricalà & Partners, con sedi a Roma e Milano. Si occupa di Diritto civile, commerciale, societario, tributario, amministrativo e del lavoro. Membro del Centro Studi istituito all’interno dello Studio, è altresì Relatore nell’ambito del ciclo di eventi formativi organizzati annualmente dallo Studio Legale Lipani Catricalà & Partners, accreditati presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma.

Alessio Antonelli, 2021, Maggioli Editore
11.90 € 10.12 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e