Esame avvocato 2021: confermato il doppio orale

di Redazione

L’esame avvocatosessione 2021 in programma nei prossimi mesi, manterrà la doppia prova orale al posto del tanto temuto scritto.

Intervenendo con un messaggio, la Ministra della Giustizia Marta Cartabia ha annunciato che anche per la sessione 2021, l’esame di avvocato si svolgerà con la formula del doppio orale. “L’esame per l’accesso alla professione forense – ha ricordato la Ministra – è stato tra i miei primi impegni all’arrivo a Via Arenula. Era chiaro che non potevamo lasciare migliaia di giovani nel limbo. Abbiamo studiato una modalità alternativa per permettere di sostenere le prove nel rispetto delle misure di sicurezza necessarie. La prova ha funzionato“. “E siccome lo stato di emergenza aperto dalla pandemia non può ancora considerarsi superato, benché le condizioni siano migliorate rispetto ai mesi scorsi, anche per la prossima sessione del 2021 abbiamo confermato le stesse modalità, senza le prove scritte e con un doppio orale“.

Non possiamo – ha aggiunto – correre il rischio di nuovi contagi assembrando migliaia di persone nello stesso luogo”. “Del resto, il doppio orale ci ha permesso di recuperare i ritardi accumulati nel 2020. Ad oggi possiamo infatti dire che oltre il 90% dei candidati ha sostenuto la prima prova orale che si dovrebbe concludere entro la fine dell’anno“.

E sulla riproposizione dell’esame nella sua forma più snella è tornata anche la sottosegretaria alla Giustizia, Anna Macina (esponente del M5S): “La decisione – ha detto – nasce dalla necessità di poter assicurare senza ritardi l’esame a migliaia di aspiranti avvocati e in totale sicurezza“.

La conferma di quanto annunciato è arrivata con la pubblicazione nella Gazzette Ufficiale dell’8 ottobre 2021 del decreto legge 8 ottobre 2021, n. 139 che al suo articolo 6 conferma lo svolgimento dell’esame d’ avvocato con la modalità del doppio orale.

Con il decreto del Ministro della giustizia che indice la sessione d’esame per il 2021 si forniscono le indicazioni relative alla data di inizio delle prove, alle modalità di sorteggio per l’espletamento delle prove orali, alla pubblicità delle sedute di esame, all’accesso e alla permanenza nelle sedi di esame, alle prescrizioni imposte ai fini della prevenzione e protezione dal rischio del contagio da COVID-19, nonché alle modalità di comunicazione delle materie scelte dal candidato per la prima e la seconda prova orale.

L’accesso ai locali deputati allo svolgimento delle prove d’esame è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di green pass. La mancata esibizione da parte dei candidati al personale addetto ai controlli delle certificazioni verdi costituisce motivo di esclusione dall’esame.

Esame avvocato 2021: come si svolgerà?

Niente scritti a dicembre: questa è la strada intrapresa dal Ministero di grazia e giustizia.

Come si leggeva in una nota diramata il 18 settembre:

Per lo svolgimento dell’esame di abilitazione alla professione di avvocato – si legge nella nota del Ministero -, la Ministra della Giustizia Marta Cartabia sta lavorando, insieme ai tecnici del Ministero, per proporre anche per la prossima sessione 2021 la stessa formula adottata per la sessione 2020, iniziata lo scorso mese di maggio”.

Quindi anche quest’anno non ci saranno gli scritti ma due prove orali in programma non a dicembre ma qualche mese dopo. Ribadiamo: niente di ufficiale, ma a questo punto immaginiamo che non ci siano più le condizioni per cambiare di nuovo programma e ritornare su un piano che prevede gli scritti a dicembre.

>> Si legga anche:”ESAME AVVOCATO 2021: I LIBRI CONSIGLIATI PER LE PROVE ORALI”

Esame avvocato 2021: ancora il doppio orale

Il Ministero della Giustizia ritiene che: “il perdurare dello stato di emergenza sanitaria, correlata alla pandemia da Covid-19 rende opportuno evitare ancora che si svolgano a dicembre le tradizionali prove scritte, con il successivo assembramento di migliaia di candidati per più giorni e molte ore”.

Si ripete, quindi, la stessa impostazione prevista dal decreto 31/2021 che tanto ha avuto successo in quanto ha permesso di recuperare il ritardo accumulato a causa del rinvio delle prove scritte.

Ecco, dunque, che gli sforzi del Ministero della Giustizia possono concentrarsi sulla sessione del 2021, a partire da date e programma.

Esame avvocato 2021: come prepararsi?

La preparazione alla prima prova orale richiede la soluzione di un quesito pratico, che sostituisce le precedenti verifiche relative alla redazione di un parere o di un atto.

Il riferimento espresso dal nuovo Decreto alla soluzione di un caso “che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale” si traduce, di conseguenza, nella conoscenza dei medesimi istituti dei quali il candidato avrebbe dovuto disporre nel sostenere le prove scritte.

In punto di procedura occorre padroneggiare le diverse tipologie di atto ordinariamente assegnate alle prove scritte e i profili ad esse strettamente connessi (competenza, procedibilità, formule assolutorie, ecc.).

L’attenzione al caso, tuttavia, risulta essere la vera protagonista del nuovo esame.

In un tempo brevissimo, infatti, il candidato dovrà esaminare una traccia, consultare i codici e stendere una bozza analitica di aiuto alla memoria.

In pratica una gara di velocità!

Ciò accadrà, inevitabilmente e con frequenza, anche in relazione a casi pratici privi di una specifica indicazione giurisprudenziale dirimente, nei quali non sarà possibile spendere una preconoscenza astratta della materia.

Questo volume intende fornire due insostituibili strumenti: la conoscenza essenziale degli elementi procedurali relativi agli atti ricorrenti nella vita professionale e l’esercizio guidato su casi concreti delle due materie.

Affinché l’esercizio risulti proficuo vi suggerisco di studiare gli inquadramenti che precedono ogni quesito, di esaminare il caso proposto codice alla mano, per velocizzare le tempistiche della fase di analisi, e di stendere la vostra bozza.

Una volta terminata questa fase, rispettando la tempistica imposta dalla normativa d’esame, chiudete i codici e provate ad esporre in altri trenta minuti la vostra soluzione.

Entro sette giorni dalla vostra verifica, provate a ripercorrere l’inquadramento processuale e a dare soluzione allo stesso caso, consolidando la vostra preparazione e allenando la memoria a lungo termine.

Il volume può essere abbinato ai Manuali brevi con pareri di Diritto civile e di Diritto penale, editi Maggioli, nei quali troverete la spiegazione di tutti gli istituti fondamentali delle due materie ed ulteriori casi pratici.

Il volume 

Acquista sullo shop Maggioli

Guarda il prezzo su Amazon

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it