Esame avvocato 2022: prorogata al 6 gennaio la compiuta pratica

di Redazione
PDF

L’esame avvocatosessione 2022 in programma nei prossimi mesi, manterrà la doppia prova orale al posto del tanto temuto scritto.

Intervenendo con un messaggio, la Ministra della Giustizia Marta Cartabia ha annunciato che anche per la sessione 2021, l’esame di avvocato si svolgerà con la formula del doppio orale. “L’esame per l’accesso alla professione forense – ha ricordato la Ministra – è stato tra i miei primi impegni all’arrivo a Via Arenula. Era chiaro che non potevamo lasciare migliaia di giovani nel limbo. Abbiamo studiato una modalità alternativa per permettere di sostenere le prove nel rispetto delle misure di sicurezza necessarie. La prova ha funzionato“. “E siccome lo stato di emergenza aperto dalla pandemia non può ancora considerarsi superato, benché le condizioni siano migliorate rispetto ai mesi scorsi, anche per la prossima sessione del 2021 abbiamo confermato le stesse modalità, senza le prove scritte e con un doppio orale“.

Non possiamo – ha aggiunto – correre il rischio di nuovi contagi assembrando migliaia di persone nello stesso luogo”. “Del resto, il doppio orale ci ha permesso di recuperare i ritardi accumulati nel 2020. Ad oggi possiamo infatti dire che oltre il 90% dei candidati ha sostenuto la prima prova orale che si dovrebbe concludere entro la fine dell’anno“.

E sulla riproposizione dell’esame nella sua forma più snella è tornata anche la sottosegretaria alla Giustizia, Anna Macina (esponente del M5S): “La decisione – ha detto – nasce dalla necessità di poter assicurare senza ritardi l’esame a migliaia di aspiranti avvocati e in totale sicurezza“.

La conferma di quanto annunciato è arrivata con la pubblicazione nella Gazzette Ufficiale dell’8 ottobre 2021 del decreto legge 8 ottobre 2021, n. 139 che al suo articolo 6 conferma lo svolgimento dell’esame d’ avvocato con la modalità del doppio orale.

Con il decreto del Ministro della giustizia che indice la sessione d’esame per il 2021 si forniscono le indicazioni relative alla data di inizio delle prove, alle modalità di sorteggio per l’espletamento delle prove orali, alla pubblicità delle sedute di esame, all’accesso e alla permanenza nelle sedi di esame, alle prescrizioni imposte ai fini della prevenzione e protezione dal rischio del contagio da COVID-19, nonché alle modalità di comunicazione delle materie scelte dal candidato per la prima e la seconda prova orale.

L’accesso ai locali deputati allo svolgimento delle prove d’esame è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di green pass. La mancata esibizione da parte dei candidati al personale addetto ai controlli delle certificazioni verdi costituisce motivo di esclusione dall’esame.

Esame avvocato 2022: come si svolgerà?

E’ stata indetta, con decreto dell’11 novembre 2021, la sessione dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense per l’anno 2022 in ogni sede di Corte d’Appello e presso la sezione distaccata di Bolzano della Corte d’appello di Trento.

L’esame si articola in due prove orali:

  • la prima, pubblica, consiste nell’esame e nella discussione di una questione pratico-applicativa, nella forma della soluzione di un caso;
  • la seconda, anch’essa pubblica qualora si svolga in presenza e che avrà una durata compresa fra 45 e 60 minuti, consiste nella discussione di brevi questioni relative a cinque materie scelte preventivamente dal candidato.

E’ prevista, all’articolo 11 del decreto ministeriale che ha indetto la sessione,  la possibilità di indicare nella domanda di partecipazione, per i candidati con disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento, gli ausili di cui necessitano e l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l’espletamento delle prove.

La domanda di partecipazione deve essere inviata per via telematica dal 1° dicembre 2021 al 7 gennaio 20221, utilizzando la procedura informatica che successivamente verrà resa disponibile.

Il candidato dovrà collegarsi al sito internet del Ministero della giustizia, “www.giustizia.it”, alla voce “Strumenti/Concorsi, esami, assunzioni” ed effettuare la relativa registrazione, utilizzando unicamente l’autenticazione SPID di secondo livello , procederà prima al pagamento delle posizioni debitorie (PagoPA) e, successivamente, all’invio della domanda.

Lo svolgimento della prima prova orale ha inizio a decorrere dal 21 febbraio 2022.

>> Si legga anche:”ESAME AVVOCATO 2022: I LIBRI CONSIGLIATI PER LE PROVE ORALI”

Esame avvocato 2022: come prepararsi?

La preparazione alla prima prova orale richiede la soluzione di un quesito pratico, che sostituisce le precedenti verifiche relative alla redazione di un parere o di un atto.

Il riferimento espresso dal nuovo Decreto alla soluzione di un caso “che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale” si traduce, di conseguenza, nella conoscenza dei medesimi istituti dei quali il candidato avrebbe dovuto disporre nel sostenere le prove scritte.

In punto di procedura occorre padroneggiare le diverse tipologie di atto ordinariamente assegnate alle prove scritte e i profili ad esse strettamente connessi (competenza, procedibilità, formule assolutorie, ecc.).

L’attenzione al caso, tuttavia, risulta essere la vera protagonista del nuovo esame.

In un tempo brevissimo, infatti, il candidato dovrà esaminare una traccia, consultare i codici e stendere una bozza analitica di aiuto alla memoria.

In pratica una gara di velocità!

Ciò accadrà, inevitabilmente e con frequenza, anche in relazione a casi pratici privi di una specifica indicazione giurisprudenziale dirimente, nei quali non sarà possibile spendere una preconoscenza astratta della materia.

Questo volume intende fornire due insostituibili strumenti: la conoscenza essenziale degli elementi procedurali relativi agli atti ricorrenti nella vita professionale e l’esercizio guidato su casi concreti delle due materie.

Affinché l’esercizio risulti proficuo vi suggerisco di studiare gli inquadramenti che precedono ogni quesito, di esaminare il caso proposto codice alla mano, per velocizzare le tempistiche della fase di analisi, e di stendere la vostra bozza.

Una volta terminata questa fase, rispettando la tempistica imposta dalla normativa d’esame, chiudete i codici e provate ad esporre in altri trenta minuti la vostra soluzione.

Entro sette giorni dalla vostra verifica, provate a ripercorrere l’inquadramento processuale e a dare soluzione allo stesso caso, consolidando la vostra preparazione e allenando la memoria a lungo termine.

Il volume può essere abbinato ai Manuali brevi con pareri di Diritto civile e di Diritto penale, editi Maggioli, nei quali troverete la spiegazione di tutti gli istituti fondamentali delle due materie ed ulteriori casi pratici.

Il volume 

Acquista sullo shop Maggioli

Guarda il prezzo su Amazon

Esame avvocato 2022: le date

La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha firmato il decreto ministeriale che indice la sessione 2021 dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

L’esame, in base a quanto previsto dall’articolo 6 del decreto-legge 8 ottobre 2021, n. 139, si svolgerà ancora con la formula adottata nel periodo dell’emergenza epidemiologica da COVID-19: due prove orali, la prima delle quali sostituisce le tre tradizionali prove scritte.

Le domande di partecipazione all’esame potranno essere presentate dal 1° dicembre 2021 al 7 gennaio 2022, attraverso il sito internet del Ministero della Giustizia. Le prime prove orali si svolgeranno a partire dal 21 febbraio 2022.

La pubblicazione del decreto ministeriale nella Gazzetta Ufficiale è prevista per martedì prossimo. Con successivi decreti ministeriali saranno nominate le commissioni d’esame e adottate le linee generali per la formulazione dei quesiti della prima prova orale, sostitutiva degli scritti.

Riguardo alla precedente sessione, in tutte le corti d’appello si sono da tempo concluse le prime prove orali; le seconde prove orali, alle quali sono stati ammessi 14.645 candidati, si stanno concludendo in tutti i diversi distretti, in tempo per l’avvio della nuova sessione d’esame.

Esame avvocato: prorogata al 6 gennaio la compiuta pratica

La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha firmato un decreto ministeriale che amplia la platea dei praticanti avvocati ammessi a partecipare alla prossima sessione dell’esame di Stato per l’abilitazione alla professione forense. Potranno presentare domanda di ammissione all’esame, entro il termine ultimo del 7 gennaio 2022, i praticanti avvocati che completeranno il tirocinio forense entro il 6 gennaio 2022.

 

 

I volumi suggeriti per la preparazione

Guarda il prezzo sul nostro shop

Guarda il prezzo su Amazon

Guarda il prezzo sul nostro shop

Guarda il prezzo su Amazon

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e