E’ illegittimo il provvedimento di rigetto delle istanze di accertamento di conformità e di accertamento di compatibilità paesaggistica adottato senza la preventiva acquisizione del parere obbligatorio e vincolante della Soprintendenza

E’ illegittimo il provvedimento di rigetto delle istanze di accertamento di conformità e di accertamento di compatibilità paesaggistica adottato senza la preventiva acquisizione del parere obbligatorio e vincolante della Soprintendenza

di Pagano Iride, Avv.

Qui la sentenza: E’ illegittimo il provvedimento di rigetto delle istanze di accertamento di conformità e di accertamento di compatibilità paesaggistica adottato senza la preventiva acquisizione del parere obbligatorio e vincolante della Soprintendenza

Versione PDF del documento

La seguente decisione  ricostruisce la disciplina normativa in materia di esame  delle istanze di accertamento di conformità e di accertamento di compatibilità paesaggistica, di interventi realizzati, senza il preventivo titolo abilitativo, in zone sottoposte a vincolo paesaggistico.

Aderendo alla giurisprudenza prevalente , la sentenza afferma che l’art. 146, comma 12 ,come  modificato dal D. Lgs. n. 157 / 2006, prevede che non possono essere più rilasciate autorizzazioni paesaggistiche “in sanatoria”, cioè successive alla realizzazione, anche parziale, di interventi abusivi, ad eccezione delle ipotesi, tassative, previste dal legislatore  a sanare “ex post” gli interventi abusivi di cui all’art. 167 del D. Lgs. n.42/2004.

In tali ipotesi, deve essere instaurata una procedura  speciale, a istanza dell’interessato, che contempla , a differenza dell’ordinario procedimento di rilascio dell’autorizzazione paesaggistica, l’accertamento della compatibilità paesaggistica, demandato all’Amministrazione preposta alla gestione del vincolo, previa acquisizione del parere della Soprintendenza, che, nella particolare fattispecie , assume carattere non solo obbligatorio, ma anche vincolante.

Nella vicenda esaminata, la ricorrente aveva presentato istanza di accertamento di compatibilità paesaggistico -ambientale, ai sensi dell’art. 181, comma 1 quater D.Lgs.n. 42/04, istanza che andava necessariamente esaminata previa l’acquisizione del parere vincolante da parte della Soprintendenza ai Beni paesaggistici, competente per territorio.

L’omissione di tale adempimento procedurale, rilevata in ricorso, ha determinato il giudizio di illegittimità del provvedimento di diniego impugnato.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pagano Iride

Pagano Iride

Svolge la professione in Nocera Inferiore (SA) Ha ottenuto una borsa di studio presso la L.U.I.S.S.-Roma in Diritto degli Enti Locali Ha maturato esperienza professionale di difesa e rappresentanza in giudizio, anche innanzi alle Giurisdizioni Superiori, a favore sia di privati che di Amministrazioni Pubbliche Locali. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, con particolare riferimento all'urbanistica, all'edilizia, al risarcimento danni nei confronti della P.A., alle procedure a evidenza pubblica,  al giudizio di esecuzione del giudicato; di diritto civile nei rapporti paritetici con la P.A..


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it