Colpevole di estorsione aggravata l’organizzazione camorristica che impone agli imprenditori l’assunzione dei propri affiliati

Colpevole di estorsione aggravata l’organizzazione camorristica che impone agli imprenditori l’assunzione dei propri affiliati

Redazione

Versione PDF del documento

Lucia Nacciarone

Con la sentenza n. 14049 del 25 marzo 2013 la Cassazione ha confermato l’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere per i reati di estorsione e rapina nei confronti dell’esponente di un clan di camorra, reo di aver costretto alcuni imprenditori ad assumere suoi «protetti».

Questi i fatti: l’indagato, facendo pressioni e minacce, aveva imposto l’assunzione di disoccupati iscritti nella sua speciale lista di collocamento, con ciò violando la libertà dell’imprenditore di organizzare la propria impresa e di ottenere, nel rispetto delle norme giuridiche e sociali, il massimo dei risultati produttivi ed economici.

Nei confronti di costui, ad avviso dei giudici, si verifica quindi un danno ingiusto, e la condotta dell’imputato è stata correttamente qualificata in sede di merito come estorsione aggravata ex art. 7 della legge 203/1991, in quanto imposizione di un comportamento (l’assunzione di un protetto) funzionale a rafforzare la propria immagine di partecipe di un superpotere che è organizzato al di fuori e contro le norme dello Stato.

«Questa funzione di collocamento dei disoccupati rafforza l’organizzazione medesima agli occhi della cittadinanza, anche ancor più diventa terreno di coltura e bersaglio passivo delle locali azioni delittuose, in quanto strumento di danno ingiusto per l’imprenditore, che è espropriato del proprio potere di organizzare al meglio l’azienda, di controllare la capacità e disciplina dei dipendenti e di ottenere, nel rispetto delle norme giuridiche e sociali, il massimo dei risultati produttivi ed economici».

Perciò sono stata confermate dalla Cassazione le valutazioni fatte in sede di merito e l’applicazione della misura cautelare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it