Colpevole di estorsione aggravata il legale che cerca di lucrare sulle transazioni dei clienti

Colpevole di estorsione aggravata il legale che cerca di lucrare sulle transazioni dei clienti

Redazione

Versione PDF del documento

Lucia Nacciarone

Con la sentenza n. 12792 del 19 marzo 2013 la Cassazione ha confermato la condanna a carico di un avvocato che tentava, con raggiri e minacce, di ottenere denaro facendo concludere una transazione fra i suoi clienti, parenti di lavoratori deceduti in seguito ad esposizioni di amianto, e il datore di lavoro responsabile.

I parenti delle vittime erano persone poco abbienti ed avevano citato in giudizio l’azienda presso cui lavoravano i congiunti morti di tumore, ammalatisi a seguito di esposizione prolungata alle fibre-killer.

Il metodo seguito dal professionista era il seguente: prima si era fatto firmare i mandati alle liti dagli assistiti promettendo loro risarcimenti milionari.

Successivamente li aveva minacciati dicendo loro che avrebbero perso tutti i soldi o li avrebbero intascati tardissimo se non avessero firmato subito per la cifra stabilita.

Era chiaro che il professionista non stava facendo gli interessi degli assistiti, tutt’altro: infatti, il risarcimento era predisposto per metà in assegni trasferibili e per metà in assegni non trasferibili.

Il legale aveva quindi preteso la girata degli assegni per ottenere così il pagamento immediato, per evitare che i clienti potessero fare resistenza una volta scoperto il raggiro. Che è costato poi al professionista una condanna per tentata estorsione aggravata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it