Ai sensi dell’art.11 D.P.R. n°380/2001, tra i titoli per richiedere il permesso di costruire rientra il rapporto di disponibilità qualificata dell’area interessata, il quale può trovare fondamento anche nel semplice possesso della stessa

di Pagano Iride, Avv.

Qui la sentenza: Ai sensi dell’art.11 D.P.R. n°380/2001, tra i titoli per richiedere il permesso di costruire rientra il rapporto di disponibilità qualificata dell'area interessata, il quale può trovare fondamento anche nel semplice possesso della stessa

Con la sentenza n°1565 del 15 luglio 2013, il TAR Campania-Salerno ha evidenziato il carattere non necessario del titolo di proprietà per poter ottenere il rilascio del permesso di costruire, essendo sufficiente il mero possesso del bene.

In particolare, viene precisato che, tra i titoli per richiedere il permesso di costruire, ex art. 11 D.P.R. n. 380/2001, rientra il rapporto di disponibilità qualificata dell’area interessata, che può trovare fondamento anche nel semplice possesso della stessa.

E’, pertanto, illegittima la richiesta comunale di esibizione del “titolo di proprietà” che si configura come un inutile ed ingiustificato aggravio procedimentale.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

iride-pagano

Pagano Iride

Svolge la professione in Nocera Inferiore (SA) Ha ottenuto una borsa di studio presso la L.U.I.S.S.-Roma in Diritto degli Enti Locali Ha maturato esperienza professionale di difesa e rappresentanza in giudizio, anche innanzi alle Giurisdizioni Superiori, a favore sia di privati che di Amministrazioni Pubbliche Locali. Si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, con particolare riferimento all'urbanistica, all'edilizia, al risarcimento danni nei confronti della P.A., alle procedure a evidenza pubblica,  al giudizio di esecuzione del giudicato; di diritto civile nei rapporti paritetici con la P.A..


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!