UE: il rapporto sulla Giustizia 2022

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

EU Justice Scoreboard 2022 stima 1.500 giorni per i tre gradi di giudizio, in Italia, nel 2020, registrando 400 avvocati ogni 1000 abitanti. 

L’efficacia dei sistemi giudiziari. Sistemi giudiziari efficaci risultano essenziali per l’applicazione del diritto dell’UE e per il rispetto dello Stato di diritto e di altri valori su cui si fonda l’UE, e che sono comuni agli Stati membri. Con tale presa d’atto esordisce “EU Justice Scoreboard 2022”, il documento diffuso dall’Ufficio delle pubblicazioni dell’UE di Lussemburgo, contenente un’analisi e i dati sullo stato dell’arte della giustizia in ambito UE. I tribunali nazionali, infatti, agiscono quali giudici dell’UE nell’applicazione del diritto europeo e, per l’effetto, risultano in primo luogo i giudici  nazionali a garantire l’effettiva applicazione  dei diritti e degli  obblighi sanciti dal   diritto dell’UE (art. 19 trattato sull’Unione europea).

I sistemi giudiziari come catalizzatori di fiducia. L’efficacia dei sistemi giudiziari, sempre secondo lo stesso documento, risulta essenziale anche per la fiducia reciproca e per migliorare il clima degli investimenti e la sostenibilità della crescita a lungo termine.  Questo rappresenta il motivo per cui il miglioramento dell’efficienza, della qualità e dell’indipendenza dei sistemi giudiziari nazionali continua a figurare tra le priorità. L’analisi annuale della crescita sostenibile 2022, la quale definisce le priorità della politica economica e occupazionale per l’UE, conferma il legame tra sistemi giudiziari efficaci e il contesto imprenditoriale degli Stati membri. I sistemi giudiziari ben funzionanti e pienamente indipendenti possono impattare positivamente sugli investimenti, e sono fondamentali per la protezione degli stessi, contribuendo pertanto alla produttività e competitività. Risultano importanti anche per garantire l’efficace esecuzione transfrontaliera dei contratti, delle decisioni amministrative e della risoluzione delle controversie, essenziali per il funzionamento del mercato unico.

Gli indicatori. In tale contesto, il quadro di valutazione UE della giustizia fornisce una panoramica annuale degli indicatori incentrati sui parametri essenziali dei sistemi giudiziari efficaci:

  • efficienza
  • qualità
  • indipendenza

L’accessibilità e la digitalizzazione della giustizia. Il quadro di valutazione 2022 sviluppa ulteriormente gli indicatori per tutti e tre gli aspetti, anche per quanto riguarda l’accessibilità alla giustizia per le persone con disabilità e la digitalizzazione della giustizia, che ha svolto un ruolo importante nel mantenere il funzionamento dei tribunali durante la pandemia e, più in generale, nel promuovere sistemi giudiziari efficienti e accessibili.

>>>Leggi qui il report completo<<<

L’edizione 2022 include nuovi dati su:

  • efficienza amministrativa
  • garanzie legali in relazione alle decisioni amministrative
  • fiducia nella protezione degli investimenti

Per la prima volta il quadro di valutazione 2022 presenta gli effetti della pandemia di Covid-19 sull’efficienza dei sistemi  giudiziari.

Non esistendo un unico modo per misurare la qualità dei sistemi giudiziari, il quadro di valutazione UE della giustizia 2022 ha esaminato i fattori generalmente accettati come pertinenti per migliorare la qualità della giustizia:

  • accessibilità della giustizia per i cittadini e le imprese
  • adeguate risorse finanziarie e umane
  • messa in atto di strumenti di valutazione

Il tasso di liquidazione. E il rapporto tra il numero di casi risolti e il numero di casi in arrivo, che va a misurare se un tribunale sta tenendo il passo con il suo carico di lavoro in arrivo. Quando il tasso di liquidazione è di circa il 100% o superiore, significa che il sistema giudiziario è in grado di risolvere almeno tutti i casi che arrivano. Mentre, quando il tasso di liquidazione è inferiore al 100%, significa che i tribunali stanno risolvendo meno casi rispetto al numero di casi in arrivo. Una tabella indica il tasso per ciascuno Stato membro.

Diventa autore di Diritto.it

Scarica il documento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e