Trasferimento di imprese, chiarimenti dalla Corte di Giustizia

Trasferimento di imprese, chiarimenti dalla Corte di Giustizia

Redazione

Versione PDF del documento

Con la sentenza n. C-108/2010 dello scorso 6 settembre la Corte di Giustizia europea ha avuto modo di precisare che rientra nella nozione di trasferimento d’impresa la riassunzione, da parte di una pubblica autorità di uno Stato membro, del personale dipendente di un’altra pubblica autorità, addetto alla fornitura, presso le scuole, di servizi ausiliari comprendenti, in particolare, compiti di custodia e assistenza amministrativa, Ciò ai sensi della direttiva del Consiglio 14 febbraio 1977, 77/187/CEE, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di stabilimenti.

In tale sede è stato inoltre messo in luce l’art. 3 di detta direttiva, a norma del quale osta a che i lavoratori trasferiti subiscano, rispetto alla loro posizione immediatamente precedente al trasferimento, un peggioramento retributivo sostanziale per il mancato riconoscimento dell’anzianità da loro maturata presso il cedente, equivalente a quella maturata da altri lavoratori alle dipendenze del cessionario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it