Spetta al Sindaco conferire al difensore civico la procura alle liti

Spetta al Sindaco conferire al difensore civico la procura alle liti

Redazione

Versione PDF del documento

Lilla Laperuta

Il principio è stato affermato dal Consiglio di Stato, sez. V, sent. 7 febbraio 2012, n. 650, sulla base della formulazione letterale degli artt. 48, co. 2, e 50, co. 2 e 3, D.Lgs. 267/2000. Non è necessaria, ad avviso dei giudici di palazzo Spada, l’autorizzazione della Giunta municipale, atteso che al Sindaco è attribuita la rappresentanza dell’ente, con la conseguenza che la decisione di agire e resistere in giudizio ed il conferimento del mandato alle liti competono, in via ordinaria e salva deroga statutaria, al rappresentante legale dell’ente, senza bisogno di autorizzazione della Giunta o del dirigente competente ratione materiae. Resta ferma, tuttavia, la possibilità dello statuto (competente a stabilire i modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio) di prevedere l’autorizzazione della Giunta (ovvero di richiedere una preventiva determinazione del dirigente ovvero ancora di postulare l’uno e l’altro intervento).
Ancora, i giudici puntualizzano che l’eventuale illegittimità della delibera di conferimento dell’incarico defensionale, per non essere stato scelto il difensore con un’apposita procedura ad evidenza pubblica, non incide sulla regolarità e validità della costituzione in giudizio dell’amministrazione comunale, essendo tutt’al più causa di responsabilità (amministrativa o penale) dell’organo che l’ha adottata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it