Spese di lite: integralmente compensate se le parti lo richiedono

di Redazione

Le spese di lite devono essere compensate se le parti lo hanno chiesto espressamente, dopo la conclusione di un accordo transattivo.

È quanto affermato dal Tribunale di Cagliari con la sentenza numero 443/2016.

La legge, infatti, permette la compensazione delle spese nelle ipotesi di soccombenza reciproca o quando si verificano altre ragioni gravi ed eccezionali in relazione alle quali la sentenza deve prontamente motivare.

Ebbene, in caso di accordo transattivo tra le parti sussiste soccombenza virtuale e, quindi, le spese vanno calcolate in base alle probabilità di accoglimento o rigetto della domanda.

Però – ricorda il Tribunale – se le parti sollecitano la compensazione, il giudice deve disporla.

È proprio quanto accaduto dinnanzi il Tribunale sardo ove le parti erano addivenute ad un accordo transattivo, dal quale è deriva la cessazione della materia del contendere.

Il Tribunale, in applicazione dei sopradetti principi di diritto, ha accolto la domanda dei soggetti coinvolti in giudizio di compensare integralmente le spese, nonostante astrattamente la procedura preveda che esse siano attribuite a chi ha torto secondo l’analisi del fondamento della domanda.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!