Sezioni Unite: ai fini della confisca si tiene conto anche dell’evasione fiscale

Sezioni Unite: ai fini della confisca si tiene conto anche dell’evasione fiscale

Redazione

Versione PDF del documento

Lucia Nacciarone

 

Con la sentenza n. 33451 del 29 luglio 2014 il Supremo consesso ha risolto il conflitto giurisprudenziale avente ad oggetto il calcolo della sproporzione fra i beni posseduti e i redditi dichiarati, che fa scattare la confisca.

Ad avviso delle Sezioni Unite, la misura scatta proprio con la finalità di bloccare i movimenti dei capitali sospetti per cui costituisce un’arma efficace e necessaria per combattere la criminalità organizzata, ed è quindi lecito tenere conto anche della evasione fiscale di colui che ne è destinatario.

La misura di prevenzione è stata pertanto irrogata nei confronti di un 48enne di Milano, accusato di associazione mafiosa, evasione fiscale, furto e ricettazione.

Per la precisione, «ai fini della confisca di cui all’articolo 2-ter delle legge n. 575 del 1965 (attualmente D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159), per individuare il presupposto della sproporzione tra i beni posseduti e le attività economiche del soggetto, deve tenersi conto anche dei proventi dell’evasione fiscale».

Tale principio si conforma sia all’orientamento prevalente di legittimità, che alla giurisprudenza della Corte costituzionale e della Corte Edu.

Inoltre, spiega la Cassazione, è evidente che in caso di evasione c’è il reimpiego delle utilità che ne siano frutto nel circuito economico dell’evasore, al fine di confondere i proventi leciti e illeciti, che è proprio quello che la normativa sulla confisca mira ad evitare.

Quindi a maggior ragione va disposta la misura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it