Se il lavoratore è depresso il licenziamento è illegittimo

di Redazione

Versione PDF del documento

Condividi con:

La sentenza n. 11798 del 12 luglio 2012 ha dichiarato che il provvedimento, se preso nei confronti di un dipendente che abbia disturbi di ansia, soffra di attacchi di panico e abbia una labilità emotiva esasperata, è inefficace.

E ciò, nonostante sia stata omessa la tempestiva comunicazione della malattia. Il lavoratore infatti sotto questo punto di vista è tutelato dalla disciplina del contratto collettivo, per la quale in caso di patologia caratterizzata da ansia e panico non è possibile sanzionare il dipendente sul piano disciplinare.

Quando, poi, la labilità emotiva perdura nel tempo, si aggrava, e sfocia in una vera e propria sintomatologia depressiva, vi è un vero e proprio giustificato impedimento idoneo ad escludere la sanzionabilità disciplinare dei fatti addebitati.

Nel caso di specie c’era stata questa evoluzione della patologia, riconducibile tra l’altro al tempo del licenziamento: probabilmente la condotta del lavoratore era imputabile al suo fragile equilibrio psicologico ma, trattandosi di una vera e propria malattia, il licenziamento è illegittimo e al lavoratore viene riconosciuta tutela in base al contratto collettivo.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. 

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!