Quale controllo deve operare il giudice della convalida nel caso di arresto facoltativo in flagranza di reato

Quale controllo deve operare il giudice della convalida nel caso di arresto facoltativo in flagranza di reato

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - V sez. pen. - sentenza n. 27984 del 07-10-2020

Versione PDF del documento

(Annullamento senza rinvio)

(Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 381)

Il fatto

Il Tribunale di Prato non convalidava un arresto operato il reato di cui all’art. 497-bis cod. pen. ritenendo che si versasse in ipotesi di “falso innocuo” in considerazione della mancanza della firma dell’apparente titolare del documento identificativo sul documento stesso.

I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso l’indicata ordinanza proponeva ricorso per cassazione il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Prato denunciando l’erronea applicazione dell’art. 381 cod. proc. pen. dovendo a suo avviso il giudice della convalida operare un controllo di ragionevolezza sull’operato della polizia giudiziaria.

Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

Il ricorso veniva reputato fondato in quanto, secondo l’orientamento della giurisprudenza di legittimità in tema di arresto facoltativo in flagranza, il giudice della convalida deve operare un controllo di mera ragionevolezza ponendosi nella stessa situazione di chi ha operato l’arresto per verificare, sulla base degli elementi al momento conosciuti, se la valutazione di procedere all’arresto rimanga nei limiti della discrezionalità della polizia giudiziaria e trovi ragionevole motivo nella gravità del fatto o nella pericolosità del soggetto senza, evidentemente, estendere il predetto controllo alla verifica dei presupposti per l’affermazione di responsabilità (Sez. 5, n. 10916 del 12/01/2012; Sez. 5, n. 1814 del 26/10/2015).

Tal che se ne faceva conseguire come l’ordinanza impugnata dovesse essere annullata senza rinvio essendo stato l’arresto eseguito legittimamente.

Conclusioni

La decisione in questione è assai interessante in quanto si afferma, sulla scorta di una giurisprudenza nomofilattica consolidata, che, in tema di arresto facoltativo in flagranza, il giudice della convalida deve operare un controllo di mera ragionevolezza ponendosi nella stessa situazione di chi ha operato l’arresto per verificare, sulla base degli elementi al momento conosciuti, se la valutazione di procedere all’arresto rimanga nei limiti della discrezionalità della polizia giudiziaria e trovi ragionevole motivo nella gravità del fatto o nella pericolosità del soggetto senza, evidentemente, estendere il predetto controllo alla verifica dei presupposti per l’affermazione di responsabilità.

Tale pronuncia, quindi, può essere presa nella dovuta considerazione al fine di verificare la convalida di un arresto facoltativo in flagranza di reato sia stata correttamente eseguita o meno.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatto provvedimento, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su cotale tematica procedurale, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Manuale Esame Avvocato - Pareri di Diritto penale

Manuale Esame Avvocato - Pareri di Diritto penale

Marco Zincani, 2020, Maggioli Editore

Il manuale pratico di Diritto Penale offre un percorso guidato all’interno del Codice penale diretto a ricostruire sinteticamente gli istituti generali della materia, alla luce delle più recenti novità normative e giurisprudenziali. Il volume intende offrire una visione...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!