Proroga al 31 ottobre 2020 dei termini per la richiesta di trattamenti di integrazione salariale

Proroga al 31 ottobre 2020 dei termini per la richiesta di trattamenti di integrazione salariale

di Redazione

Versione PDF del documento

Con il Messaggio n. 3729 del 15 ottobre 2020, richiamata l’evoluzione legislativa, l’INPS fornisce le indicazioni in merito alla proroga al 31 ottobre 2020 della scadenza dei termini decadenziali per l’invio delle domande di trattamenti di cassa integrazione (ordinaria, in deroga e CISOA) e di assegno ordinario, nonché dei dati utili ai rispettivi pagamenti diretti, così come previsto dall’art. 3 del Decreto Legge 7 ottobre 2020, n. 125, recante “Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché per l’attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020”.

In particolare, l’Istituto rende noto che le domande e la documentazione utile per i pagamenti diretti, inviate dalle aziende oltre le precedenti scadenze del 31 agosto 2020 e del 30 settembre 2020, saranno considerate utilmente trasmesse purché presentate entro la data del 31 ottobre 2020.

Vengono, inoltre, fornite precisazioni in merito alla trasmissione di istanze di trattamenti di cassa integrazione (ordinaria e in deroga) e di assegno ordinario relativi all’ulteriore periodo di nove settimane, previsto dal Decreto Legge 14 agosto 2020, n. 104.

Nello specifico, per le istanze aventi ad oggetto periodi non antecedenti al 14 settembre 2020 e non successivi al 31 dicembre 2020, si precisa che la trasmissione è già possibile a far data dal giorno di pubblicazione del precedente Messaggio n. 3525 del 1° ottobre 2020, a prescindere dall’avvenuto rilascio dell’autorizzazione alle prime nove settimane da parte delle Strutture territoriali dell’Istituto.

Volume consigliato

Lavoro e crisi d'impresa

Lavoro e crisi d'impresa

Mariaelena Belviso, 2020, Maggioli Editore

Il lavoro quale elemento cardine dell’ordinamento italiano non trovava adeguato spazio, né tutela nel sistema complesso delle procedure concorsuali. Il d.lgs. n. 14/2019, che ha profondamente riformato la materia concorsuale e introdotto il “Nuovo Codice della Crisi...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!