Omessa comunicazione redditi alla Cassa forense, sanzione con prescrizione quinquennale

Redazione 04/07/18
Scarica PDF Stampa
La sanzione pecuniaria prevista dall’art. 17, comma 4, Legge n. 576/1980, per inottemperanza all’obbligo di comunicare alla Cassa nazionale forense, l’ammontare del reddito professionale entro trenta giorni dalla data per presentare la dichiarazione dei redditi, ha natura amministrativa; natura che non è venuta meno per effetto della privatizzazione della Cassa ex D.Lgs. n. 509/1994.

Ne deriva che detta sanzione è soggetta alla prescrizione quinquennale decorrente dal giorno in cui la violazione è stata commessa, e non a quella decennale prescritta ex art. 19, primo comma, cit. Legge n. 576/1980, che si riferisce solo ai contribuenti e ai relativi accessori.

Lo ha specificato la Corte di cassazione, sezione lavoro, con sentenza n. 17258 del 2 luglio 2018, respingendo il ricorso della Cassa nazionale forense avverso la pronuncia d’appello di annullamento di una cartella esattoriale, con cui la medesima Cassa aveva intimato ad un avvocato il pagamento di sanzioni per mancato versamento di contributi previdenziali obbligatori.

A fondamento della propria decisione la Corte territoriale, secondo argomentazioni poi confermate in Cassazione, ribadiva che nella materia trova applicazione il termine di prescrizione quinquennale previsto in via generale dall’art. 28 Legge n. 689/1981; posto che secondo consolidata giurisprudenza di legittimità, la sanzione pecuniaria in discorso – comminata ex art. 17 comma 4 Legge n. 576/1980 in caso di inottemperanza all’obbligo di comunicazione alla Cassa forense del proprio reddito professionale entro il termine previsto – ha natura amministrativa e, come tale, è soggetto alla prescrizione quinquennale dal giorno in cui la violazione è stata commessa.

Volume consigliato

Gli adempimenti fiscali dell’Avvocato

L’opera, aggiornata alla Legge di Bilancio 2018 (Legge 27/12/2017 n° 205), è uno strumento indispensabile sia per chi si avvicina alla professione e sia per chi, nonostante l’esperienza, ha l’arduo compito di districarsi tra i vari adempimenti di natura fiscale che questa attività richiede.Il volume affronta, nell’ordine:› gli adempimenti preventivi;› gli adempimenti fiscali ai fini IVA;› gli adempimenti ai fini delle imposte dirette;› gli adempimenti ai fini IRAP;› le sostituzioni di imposta.L’opera si arricchisce di formule all’interno del testo, per meglio supportare il professionista nell’espletamento delle attività fiscali cui è tenuto.Ilaria Mariani, Dottore Commercialista e Revisore dei conti in Milano (www.emariani.it). Si occupa di consulenza societaria, contabile, fiscale e contributiva rivolta a professionisti, imprenditori individuali e società. Autrice di testi specialistici, collabora con diverse riviste giuridiche e fiscali. Relatrice di convegni e seminari di approfondimento.

Mariani | 2018 Maggioli Editore

32.00 €  30.40 €

Consulta anche la sezione dedicata alla pratica d’Avvocato!

Sentenza collegata
60184-1.pdf 458kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.
Redazione