Nessuna riduzione dell’assegno di divorzio se il coniuge è privo di conoscenze professionali che gli consentano di trovare lavoro

Nessuna riduzione dell’assegno di divorzio se il coniuge è privo di conoscenze professionali che gli consentano di trovare lavoro

di Redazione

Versione PDF del documento

Lucia Nacciarone

 

Così decide la Corte di cassazione con la sentenza n. 19000 del 10 settembre 2014, che respinge il ricorso di uomo contro la decisione d’appello che confermava a suo carico l’obbligo di corrispondere la somma di 2500 euro alla ex moglie ed un contributo di 1500 euro per il mantenimento dei figli.

I giudici di legittimità condividono le motivazioni della Corte di merito, secondo le quali l’unico reddito percepito dalla donna era il mantenimento, non avendo la stessa capacità e competenze professionali per poter lavorare; inoltre, non aveva i dividendi delle azioni di cui era comproprietaria con l’ex marito, né i canoni di locazione dell’appartamento che avevano in comune, a differenza del ricorrente che invece poteva contare su un reddito molto alto.

Il ricorrente lamentava che a causa di un problema di salute la propria attività lavorativa (e di conseguenza la capacità economica) era diminuita, e che non c’erano prove che il tenore di vita in costanza di matrimonio fosse tanto alto.

Ma la Corte ha stabilito l’accertamento sul tenore di vita è presuntivo, ovvero si desume dalle potenzialità economiche dei coniugi, vale a dire dall’ammontare complessivo dei loro redditi e delle loro disponibilità patrimoniali.

Né alcun rilievo assumeva la circostanza, dedotta dal ricorrente, della mancanza di disponibilità della donna a reperire un’idonea attività lavorativa, alla luce della considerazione che la stessa era priva di conoscenze professionali di alcun genere.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it