Motivazione obbligatoria per l’atto repressivo della pubblica amministrazione

Motivazione obbligatoria per l’atto repressivo della pubblica amministrazione

Redazione

Versione PDF del documento

Il Tar Campania, sez. II, nella sentenza n. 4935 del 26 ottobre scorso ha rilevato come, nell’ambito del procedimento di repressione degli abusi edilizi e di demolizione, l’amministrazione sia sempre tenuta a motivare sulla base della specifica istruttoria espletata, e degli elementi acquisiti, l’adozione dell’atto repressivo. Ciò anche se la natura vincolata dell’attività di repressione degli abusi non richiede una diffusa specificazione delle ragioni giuridiche poste a base del provvedimento. Ad avviso del Collegio, infatti, è sempre necessaria ed imprescindibile almeno quella che viene definita come argomentazione ovvero giustificazione del provvedimento, che descriva la natura e consistenza dell’abuso, e la tipologia di violazione contestata. Nella fattispecie oggetto di controversia, invece, il provvedimento di diniego impugnato non esterna in maniera compiuta e puntuale le ragioni per cui l’Amministrazione abbia ritenuto di sanzionare il manufatto del ricorrente; in particolare il relativo provvedimento finale non esplicita alcun concreto riferimento allo stato dei luoghi né alcuna valutazione sulla specifica tipologia dell’opera.

Ne è derivata l’illegittimità del provvedimento di demolizione per difetto di motivazione. (Lilla Laperuta).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it