m. viceconte (a cura) rec. A: Pasquale DuiOutsourcing ed esternalizzazioni tra diritto commerciale e diritto del lavoro -Collana Teoria e pratica del diritto-Giuffrè editore 2007 pag.326 € 36,00

m. viceconte (a cura) rec. A: Pasquale DuiOutsourcing ed esternalizzazioni tra diritto commerciale e diritto del lavoro -Collana Teoria e pratica del diritto-Giuffrè editore 2007 pag.326 € 36,00

di recensione libro

Versione PDF del documento

L’opera di estremo interesse per la sua attualità si cala nella realt
à economica e lavoristica  presente nel nostro paese. La dinamica
economica  dei mercati assiste sovente a fenomeni di trasferimento e
cessione di azienda e/o di ramo d’azienda.La vicenda
economico/commerciale ha poi importanti riflessi sui lavoratori
facendone quindi un evento sociale di notevole rilievo.
L’Autore colloca la vicenda, come dice lo stesso titolo a cavallo tra
il diritto commerciale e il diritto del lavoro. E’ questo un approccio
nuovo e singolare e certamente foriero di interessanti risultati per gli
analisti,in quanto consente di tenere conto di prospettive diverse e
integrantisi.
L’indice: Parte I  Nozione di azienda e di ramo d’ azienda –Capitolo
I Cessione di azienda e di ramo di azienda quale vicenda circolatoria
tipica.- Capitolo II Altre vicende giuridiche implicanti circolazione
della azienda.- Parte II Trasferimento di ramo d’
azienda.Esternalizzazioni-Outsourcing-Effetti sul rapporto di lavoro
-Capitolo III La riduzione di personale connessa a d una futura
operazione di esternalizzazione ed alla cessazione di attività del
corrispondente ramo di azienda.- Capitolo IV Trasferimento d’ azienda e
di ramo d’ azienda-La fattispecie tipica e la contrapposizione tra i
concetti di unità produttiva e ramo di azienda.- Capitolo V Le
disposizioni per la tutela dei diritti dei lavoratori  nelle operazioni
di cessione di ramo d’azienda (o giuridicamente assimilate) finalizzate
ad esternalizzazioni-  Appendice Schemi contrattuali e comunicazioni.
Molto utile per l’operatore aziendale e del diritto l’appendice che
contiene modelli procedurali per tutte le fasi.
Lo stesso Autore ( Titolare di uno studio legale in Milano;Collaboratore
presso le cattedre di diritto del lavoro dell’Università di
Parma-Giurisprudenza- e dell’Università di Milano Bicocca -Economia e
commercio-) nelle avvertenze introduttive sottolinea il taglio pratico
del volume :
<<AVVERTENZE PER IL LETTORE
 Premessa generale.
Questo libro nasce in un momento nel quale il dibattito sulle cc.dd.
esternalizzazioni vede una accesa contrapposizione, da un lato, tra le
esigenze imprenditoriali di ricerca delle opportunità organizzative, di
diversificazione e flessibilità offerte dai relativi strumenti di
attuazione (outsourcing, etc.), e, dall’altro, tra i contrastanti timori
di parte sindacale volti a prevenire possibili usi distorti ed elusivi a
discapito dell’occupazione in genere e dei lavoratori in particolare
(tutele normative, sindacali, etc.).
Di tutto ciò ho dato- afferma l’Autore- compiuta ragione
nell’esposizione, anche ai fini di un esame quanto più equilibrato
delle suddette istanze.
Avvertenze.
Il testo e le considerazioni relative sono sviluppati, sulla scia
dell’impostazione tradizionale di questa collana, con la massima
attenzione verso i profili pratici della materia, con prevalenza quasi
assoluta dell’impianto giurisprudenziale nelle note e con una serie di
formule in appendice, volte a guidare il lettore nell’attuazione delle
procedure specifiche e più diffuse che rappresentano gli aspetti
essenziali delle operazioni di cessione di ramo d’azienda e/o
outsourcing.
Legislazione vigente.
Sebbene il volume prenda dettagliatamente in esame la legislazione
vigente, specificamente l’art. 2112 c.c., in ciò che si riferisce
propriamente alle questioni inerenti la definizione, l’individuazione e
la cessione del ramo d’azienda, anticipo l’avvertenza, rimarcata
ampiamente nel testo, circa possibili, futuri sviluppi della normativa,
sui quali, peraltro, la giurisprudenza ha già da tempo anticipato un
giudizio del quale viene dato ampio resoconto nel testo. Tale ultima
posizione interpretativa è verosimilmente già in linea con i suddetti
eventuali sviluppi, tendenzialmente volti a contenere i fenomeni
potenzialmente distorsivi della attuale disciplina cui ho accennato
sopra, posti a fondamento delle critiche rivolte all’attuale impianto
dell’art. 2112 (come si arguisce, del resto, dal dibattito che da alcuni
anni ferve sulla materia).>>

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!