L'erronea qualificazione giuridica del fatto deve risultare dalla sentenza

L’erronea qualificazione giuridica del fatto, che consente il ricorso per Cassazione a norma dell’art. 448, c. 2-bis, c.p.p., deve risultare dalla sentenza e non può richiedere accertamenti in punto di fatto

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - V sez. pen. - sentenza n. 43 del 02-01-2020

Versione PDF del documento

(Ricorso rigettato)

(Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 448, c. 2-bis)

Il fatto

Il Tribunale di Rovigo disponeva l’applicazione di pena, ai sensi dell’art. 444 cod. proc. pen., nei confronti di F. M. R, in ordine al reato di cui agli artt. 56, 110, 624 bis, 625 numeri 2), 5) e 7), cod. pen. recependo l’accordo in tal senso raggiunto dalle parti.

I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso questo provvedimento proponeva ricorso per Cassazione l’imputato, per il tramite del difensore, deducendo l’erronea qualificazione giuridica del fatto in quanto il tentato furto era avvenuto mediante introduzione nelle pertinenze di un edificio scolastico che, per sua natura, non può essere ricondotto alla nozione di privata dimora.

Le valutazioni giuridiche formulate dalla Corte di Cassazione

Il ricorso veniva ritenuto infondato per le seguenti ragioni.

Si osservava a tal proposito che, se a mente dell’art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen. novellato dalla legge n. 103 del 2017, l’imputato può proporre ricorso per cassazione avverso la sentenza di patteggiamento per motivi attinenti all’erronea qualificazione giuridica del fatto, tuttavia, considerati i limiti del giudizio di legittimità, l’errore deve risultare dalla sentenza e non può richiedere accertamenti in punto di fatto perché inibiti alla Corte di cassazione (arg. da Sez. 2, n. 17235 del 17/01/2018; Sez. 1, n. 13387 del 16/05/2013; Sez. U n. 40150 del 21/06/2018,).

Orbene, declinando tali criteri ermeneutici rispetto al caso di specie, gli Ermellini facevano presente come la qualificazione giuridica del fatto fosse stata coerente con quanto indicato nell’editto accusatorio il quale aveva fatto espresso riferimento alla circostanza che l’edificio scolastico era “destinato in parte a privata dimora”.

A fronte di ciò, ad avviso della Corte, la diversa qualificazione proposta dal ricorrente presentava margini di opinabilità e la verifica della tesi prospettata avrebbe richiesto accertamenti in fatto inammissibili in sede di legittimità ordinaria.

Conclusioni

La decisione in questione è assai interessante nella parte in cui chiarisce come deve essere proposto, quale motivo di doglianza nel ricorso per Cassazione, l’erronea qualificazione giuridica del fatto (secondo quanto previsto dall’art. 448, c. 2-bis, c.p.p.).

Difatti, in tale sentenza, citandosi un costante orientamento nomofilattico formatosi sul punto, è postulato che siffatto errore deve risultare dalla sentenza e non può richiedere accertamenti in punto di fatto.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in cotale provvedimento, proprio perché spiega come si può ricorrere per Cassazione in questo caso, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Nuovo formulario annotato dell’esecuzione penale

Nuovo formulario annotato dell’esecuzione penale

Valerio de Gioia, Paolo Emilio De Simone, 2019, Maggioli Editore

Con il presente formulario, aggiornato ai decreti legislativi nn. 121 (“Disciplina dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 81, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n....



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!