Nuovo concorso Inps per 967 consulenti di protezione sociale

Inps, concorso per 967 funzionari consulenti di protezione sociale

Redazione

Versione PDF del documento

Con bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 27 aprile 2018, l’Inps ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 967 posti di consulente protezione sociale nei ruoli del personale dell’Ente, area C, posizione economica C1.

Requisiti di partecipazione

Il requisito per poter presentare la domanda, oltre ai requisiti comuni a tutti i concorsi pubblici (cittadinanza italiana o Ue, godimento diritti civili e politici, ecc.) è il possesso di una laurea magistrale/specialistica o laurea vecchio ordinamento in una delle seguenti discipline:

finanza, ingegneria gestionale, relazioni internazionali, scienze dell’economia, scienze della politica, scienze delle pubbliche amministrazioni, scienze economiche per l’ambiente e la cultura, scienze economico-aziendali, scienze per la cooperazione e lo sviluppo, scienze statistiche, metodi per l’analisi valutativa dei sistemi complessi, statistica demografica e sociale, statistica economica, finanziaria e attuariale, statistica per la ricerca sperimentale, scienze statistiche attuariali e finanziarie, servizio sociale e politiche sociali, programmazione e gestione delle politiche e servizi sociali, sociologia e ricerca sociale, sociologia, metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali, studi europei, giurisprudenza, teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica. Questa volta non è obbligatoria, a differenza del precedente concorso recentemente bandito dall’Inps, il possesso della certificazione linguistica B2.

Come presentare domanda

Il candidato deve presentare domanda di partecipazione esclusivamente in via telematica, mediante l’utilizzo di PIN Inps, oppure SPID (Sistema Pubblico di Identità digitale), o ancora, CNS (Carta Nazionale dei Servizi), compilando l’apposito modulo ed utilizzando la specifica applicazione disponibile nel sito www.inps.it. La domanda così compilata deve essere inviata entro e non oltre le ore 16:00 del 28 maggio 2018 (ossia del trentesimo giorno decorrente dal giorno successivo alla pubblicazione del presente bando). Successivamente all’invio, inoltre, il candidato deve stampare la domanda protocollata, firmarla e consegnarla nel luogo e nel giorno stabilito per lo svolgimento della prima prova scritta o l’eventuale preselettiva.

Prove di concorso

La procedura di concorso prevede due prove scritte ed una orale e, nel caso pervenga un numero di domande superiore a 10.000, anche una prova preselettiva. La sede, il giorno e l’ora di svolgimento delle prove scritte, ed eventualmente della preselettiva, sono pubblicati, con valore di notifica a tutti gli effetti, sul sito dell’Inps www.inps.it.

Ma vediamo gli argomenti di prova. La preselettiva, in particolare, consiste in una serie di quesiti a risposta multipla di carattere psicoattitudinale, logica, lingua inglese, competenze informatiche, cultura generale.

La prima prova scritta consiste in una serie di quesiti a risposta multipla, volti ad accertare la conoscenza del candidato nelle seguenti materie: a) bilancio e contabilità pubblica; b) pianificazione, programmazione e controllo e organizzazione e gestione aziendale; c) diritto amministrativo e costituzionale; c) diritto del lavoro e legislazione sociale. La prova è valutata in trentesimi e viene superata dai candidati che riportano un punteggio di almeno 21/30.

La seconda prova scritta consiste in una serie di quesiti a risposta multipla, volti ad accertare la conoscenza del candidato nelle seguenti materie: a) scienza delle finanze; b) economia del lavoro; c) diritto civile; d) elementi di diritto penale. Anche qui, la prova è valutata in trentesimi e viene superata dai candidati che riportano un punteggio di almeno 21/30.

La prova orale, infine, consiste in un colloquio sulle stesse materie di cui alle prove scritte, oltre ad inglese ed informatica.

Graduatoria finale

Espletate tutte le prove, la Commissione esaminatrice forma la graduatoria di merito sulla base del punteggio complessivo ottenuto dai candidati (somma tra la media dei voti riportati nelle due prove scritte, il punteggio dei titoli, il voto riportato alla prova orale, fino ad un massimo di 90 punti). La graduatoria così formata, approvata dal Presidente Inps e pubblicata nel sito istituzionale, rimane in vigore per tre anni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del presente avviso.

Volume consigliato 

Il Codice dei contratti pubblici commentato con la giurisprudenza e la prassi

Il Codice dei contratti pubblici commentato con la giurisprudenza e la prassi

Alessandro Massari - Ornella Cutajar, 2017, Maggioli Editore

Il Codice dei contratti pubblici commentato con la giurisprudenza e la prassi è concepito come importante strumento di agevole consultazione per gli operatori che intendono individuare, per ciascuna disposizione del nuovo Codice – D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50, come modificato dal...



Consulta le sezione dedicata alla pratica d’Avvocato

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it