In caso di diniego delle attenuanti generiche e nel giudizio di comparazione tra opposte circostanze

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - IV sez. pen. - sentenza n. 37612 del 18-10-2021

SOMMARIO:Il fatto – I motivi addotti nel ricorso per Cassazione – Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione – Conclusioni

Il fatto

La Corte d’appello de L’Aquila, in parziale riforma di una condanna emessa dal Giudice dell’udienza preliminare del Tribunale aquilano, rideterminava in mitius la pena applicata nei confronti degli imputati previa concessione dell’attenuante di cui all’art. 62 n. 6 cod. pen. in regime di equivalenza alla contestata aggravante, rigettando però la richiesta di riconoscimento delle attenuanti generiche.

I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

Avverso il provvedimento summenzionato proponevano ricorso per Cassazione, per il tramite dei loro difensori, gli imputati.

In particolare, in un ricorso firmato da uno degli avvocati, si deducevano violazione di legge e vizio di motivazione sia in ordine alla mancata concessione delle attenuanti generiche, sia in ordine al mancato giudizio di prevalenza dell’attenuante del ravvedimento post delictum rispetto all’aggravante contestata, mentre, nell’altro ricorso proposto, si adducevano, quale motivi di gravame, violazione di legge e vizio di motivazione per quel che riguarda il solo diniego delle attenuanti generiche.

Vedasi su tale argomento: “Le attenuanti previste dall’art. 62 c.p.: vediamo in cosa consistono

Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

I ricorsi proposti venivano dichiarati inammissibili per le seguenti ragioni.

Si osservava a tal proposito innanzitutto che, sul piano del trattamento sanzionatorio in generale, in tema di determinazione della pena, nel caso in cui venga irrogata una pena al di sotto della media edittale, non é necessaria una specifica e dettagliata motivazione da parte del giudice, se il parametro valutativo é desumibile dal testo della sentenza nel suo complesso argomentativo e non necessariamente solo dalla parte destinata alla quantificazione della pena (Sez. 3, •Sentenza n. 38251 del 15/06/2016; Sez. 3, Sentenza n. 29968 del 22/02/2019) fermo restando che, da un lato, per quanto in particolare concerne il diniego delle attenuanti generiche, il giudice del merito esprime al riguardo un giudizio di fatto, la cui motivazione è insindacabile in sede di legittimità, purché sia non contraddittoria e dia conto, anche richiamandoli, degli elementi, tra quelli indicati nell’art. 133 cod. pen., considerati preponderanti ai fini della concessione o dell’esclusione (ex multis Sez. 5, Sentenza n. 43952 del 13/04/2017; Sez. 3, Sentenza n. 28535 del 19/03/2014) rilevandosi al contempo che, con riferimento al caso di specie, il mancato riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche può essere legittimamente motivato dal giudice con l’assenza di elementi o circostanze di segno positivo, a maggior ragione dopo la riforma dell’art. 62-bis, disposta con il d.l. 23 maggio 2008, n. 92, convertito con modifiche nella legge 24 luglio 2008, n. 125, per effetto della quale, ai fini della concessione della diminuente, non é più sufficiente il solo stato di incensuratezza dell’imputato (Sez. 1, Sentenza n, 39566 del 16/02/2017), dall’altro, quanto al giudizio di equivalenza della concessa attenuante di cui all’art. 62 n. 6 cod. pen., le statuizioni relative al giudizio di comparazione tra opposte circostanze, implicando una valutazione discrezionale tipica del giudizio di merito, sfuggono al sindacato di legittimità qualora non siano frutto di mero arbitrio o di ragionamento illogico e siano sorrette da sufficiente motivazione, tale dovendo ritenersi quella che per giustificare la soluzione dell’equivalenza si sia limitata a ritenerla la più idonea a realizzare l’adeguatezza della pena irrogata in concreto (Sez. U, Sentenza n. 10713 del 25/02/2010; Sez. 2, Sentenza n. 36104 del 27/04/2017).

Orbene, declinando tali criteri ermeneutici rispetto al caso in questione, gli Ermellini osservavano come, a valere per entrambe le contestate statuizioni sanzionatorie, la valutazione complessiva della Corte aquilana, nel fare riferimento alle modalità dell’episodio e alla personalità dimostrata dagli imputati, teneva all’evidenza conto della reiterazione delle condotte criminose, con particolare riguardo al succedersi del furto della tessera bancomat e dei due successivi prelievi di danaro e ciò, sempre ad avviso del Supremo Consesso, tanto appariva senz’altro bastevole a soddisfare le indicazioni fornite dalla giurisprudenza di legittimità e a sottrarre la decisione in punto di pena alle censure mosse dai ricorrenti.

Conclusioni

La decisione in esame desta interesse nella parte in cui è chiarito quando è sindacabile la valutazione del giudice nel caso di diniego delle attenuanti generiche o allorchè costui proceda al giudizio di comparazione delle circostanze secondo quanto disposto dall’art. 69 cod. pen..

Difatti, in tale pronuncia, richiamandosi precedenti conformi, si afferma, per un verso, che, in caso di diniego delle attenuanti generiche, il giudice del merito esprime al riguardo un giudizio di fatto, la cui motivazione è insindacabile in sede di legittimità, purché sia non contraddittoria e dia conto, anche richiamandoli, degli elementi, tra quelli indicati nell’art. 133 cod. pen., considerati preponderanti ai fini della concessione o dell’esclusione, per altro verso, che le statuizioni relative al giudizio di comparazione tra opposte circostanze, implicando una valutazione discrezionale tipica del giudizio di merito, sfuggono al sindacato di legittimità qualora non siano frutto di mero arbitrio o di ragionamento illogico e siano sorrette da sufficiente motivazione, tale dovendo ritenersi quella che per giustificare la soluzione dell’equivalenza si sia limitata a ritenerla la più idonea a realizzare l’adeguatezza della pena irrogata in concreto.

Tal che ne consegue che, in caso di mancato riconoscimento delle attenuanti di cui all’art. 62-bis cod. pen., si potrà censurare l’operato del giudice nella misura in cui costui abbia adottato una motivazione contraddittoria, così come il giudizio da lui compiuto in materia di comparazione tra opposte circostanze, potrà parimenti essere oggetto di censura nella misura in cui esso sia stato il frutto di mero arbitrario o di un ragionamento illogico o, ancora, la motivazione resa sul punto sia stata insufficiente.

Al di fuori di tale ipotesi, è quindi sconsigliabile contestare tali valutazioni giudiziarie essendoci il rischio evidente che le censure proposte non vengano accolte.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatto provvedimento, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su cotale tematica giuridica, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Nuovo formulario annotato dell'esecuzione penale

Nuovo formulario annotato dell'esecuzione penale

Con il presente formulario, aggiornato ai decreti legislativi nn. 121 (“Disciplina dell’esecuzione delle pene nei confronti dei condannati minorenni, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 81, 83 e 85, lettera p), della legge 23 giugno 2017, n. 103”), 123 (“Riforma dell’ordinamento penitenziario, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere a), d), i), l), m), o), r), t) e u), della legge 23 giugno 2017, n. 103”) e 124 (“Riforma dell’ordinamento penitenziario in materia di vita detentiva e lavoro penitenziario, in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83 e 85, lettere g), h) e r), della legge 23 giugno 2017, n. 103”) del 2 ottobre 2018, gli autori perseguono l’obiettivo di guidare l’operatore del diritto penale verso la conoscenza dei vari istituti che caratterizzano la fase dell’esecuzione penale di una sentenza di condanna divenuta irrevocabile attraverso un testo che si caratterizza per la sua finalità estremamente pratica e operativa, ma anche per la sua struttura snella che ne consente un’agevole e mirata consultazione.

Il formulario rappresenta, così, un valido strumento operativo di ausilio per l’avvocato penalista, mettendo a sua disposizione tutti gli schemi degli atti difensivi rilevanti nella fase dell’esecuzione penale, contestualizzati con il relativo quadro normativo di riferimento, spesso connotato da un elevato tecnicismo, e corredati sia da annotazioni dirette ad inquadrare sistematicamente l’istituto processuale sotteso e ad evidenziare i punti salienti di ogni questione problematica, sia da riferimenti agli orientamenti giurisprudenziali più significativi e da opportuni suggerimenti per una più rapida e completa redazione dell’atto difensivo.

L’opera è anche corredata da un’utilissima appendice, contenente schemi riepilogativi e alcuni riferimenti normativi in grado di agevolare ulteriormente l’attività del professionista.

Valerio de Gioia
Conseguita la laurea con lode all’età di 22 anni, ha superato gli orali dell’esame di avvocato e del concorso in magistratura poco dopo aver compiuto i 25 anni. Giudice penale del Tribunale di Roma, già giudice civile, dell’esecuzione e del lavoro e referente distrettuale per la formazione decentrata - Scuola Superiore della Magistratura, attualmente è coordinatore dei Corsi per la preparazione al concorso in Magistratura e all’esame di Avvocato presso l’Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio “Arturo Carlo Jemolo”. Autore di oltre 200 pubblicazioni - tra monografie, opere collettanee e articoli su riviste scientifiche - è il curatore di numerose collane. Ha partecipato, nella qualità di relatore, a convegni nazionali e internazionali.
Paolo Emilio De Simone
Magistrato dal 1998, dal 2006 è in servizio presso la prima sezione penale del Tribunale di Roma; in precedenza ha svolto le sue funzioni presso il Tribunale di Castrovillari, presso la Corte di Appello di Catanzaro, nonché presso il Tribunale del Riesame di Roma. Nel biennio 2007/2008 è stato anche componente del Collegio per i reati ministeriali presso il Tribunale di Roma previsto dalla legge costituzionale n. 1/1989. Dal 2016 è inserito nell’albo dei docenti della Scuola Superiore della Magistratura, ed è stato nominato componente titolare della Commissione per gli Esami di Avvocato presso la Corte di Appello di Roma per le sessioni 2009 e 2016. È autore di numerose pubblicazioni, sia in materia penale che civile, per diverse case editrici.

Leggi descrizione
Paolo Emilio De Simone, Valerio de Gioia, 2019, Maggioli Editore
46.00 € 43.70 €

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e