Esperto negoziatore della crisi d’impresa. Ecco tutte le istruzioni utili

di Redazione

Intervista all’Avv. Monica Mandico

Dal 15 novembre prenderà avvio un nuovo istituto, quello della composizione negoziata nella crisi d’impresa, che vede come protagonista al fianco dell’imprenditore una nuova figura professionale, l’Esperto negoziatore della crisi d’impresa.
Questo strumento stragiudiziale è stato introdotto con il decreto 118/2021 ora convertito nella legge 147/2021 che introduce misure urgenti in materia di crisi d’impresa e di risanamento aziendale.

La composizione negoziata rappresenta un nuovo strumento di ausilio alle imprese in difficoltà finalizzato al loro risanamento ed è caratterizzato dal fatto che:
– è un percorso volontario e caratterizzato da assoluta riservatezza,
– si accede tramite una piattaforma telematica,
all’imprenditore si affianca un Esperto, terzo e indipendente e munito di specifiche competenze, al quale è affidato il compito di agevolare le trattative con i creditori necessarie per il risanamento dell’impresa.

A tal proposito, la Redazione di Diritto.it ha intervistato l’Avvocato Monica Mandico per cercare di analizzare al meglio la figura dell’Esperto negoziatore e chiarire quali requisiti deve avere il professionista che vuole ricoprire questo ruolo, come avviene la nomina dell’esperto, quali compiti dovrà svolgere.
>> Clicca QUI per vedere l’intervista<<

Chi è l’Esperto negoziatore?

L’Esperto negoziatore può essere uno dei seguenti professionisti, iscritto nell’apposito elenco degli Esperti Negoziatori della crisi d’impresa istituito presso le camere di commercio:

  • avvocati (iscritti da almeno cinque anni all’albo degli avvocati)
  • dottori commercialistiesperti contabili (iscritti da almeno cinque anni all’albo dei dottori commercialisti e esperti contabili)
  • consulenti del lavoro (iscritti da almeno cinque anni all’albo dei consulenti del lavoro)
  • manager d’azienda (con documentazione attestante funzioni di amministrazione, direzione e controllo in imprese interessate da operazioni di ristrutturazione concluse con piani di risanamento).

Il Suo compito è quello di agevolare le trattative tra l’imprenditore, i creditori ed eventuali altri soggetti interessati, al fine di individuare una soluzione per il superamento delle condizioni di crisi. >> Clicca QUI per scoprire di più

Requisiti

Tra i requisiti richiesti c’è l’obbligo formativo di 55 ore di lezione ai fini dell’iscrizione nell’apposito elenco degli Esperti Negoziatori della crisi d’impresa istituito presso le camere di commercio.
Sono diversi i corsi formativi in tema e noi vi proponiamo quello che sta realizzando FormazioneMaggioli, “Corso abilitante per Esperto Negoziatore della Crisi d’Impresa” che inizierà il 9 novembre. >> Clicca QUI per avere maggiori informazioni

Il titolo rilasciato dal suddetto corso è valevole ad ogni effetto di legge e può essere utilizzato, in conformità all’art. 3, commi 3 e 4 del D.L. n. 118/2021, ai fini dell’iscrizione nell’elenco degli esperti tenuto dalle CCIA.

Intervista:

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it