È possibile impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?

Scarica PDF Stampa
  1. Introduzione
  2. In che modo funziona l’affidamento dei figli
  3. Il collocamento alternato
  4. Il collocamento prevalente
  5. L’affidamento esclusivo
  6. In che modo impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?
  7. In che modo impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?

 

Una coppia di coniugi decide di separarsi perché il marito ha un’altra compagna.

Qualcuno si è chiesto se in simili situazioni, quando il giudice decide sull’affidamento della prole, dovrà considerare questo fatto?

Avere un’altra relazione sentimentale può condizionare il diritto all’affido dei figli?

Si può impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?

In questa sede scriveremo che cosa dice la legge.

In che modo funziona l’affidamento dei figli

In seguito alla separazione, si dovrà stabilire con chi andranno a vivere i figli.

Secondo la legge, il giudice, prima di decidere deve valutare la possibilità che i figli minori restino affidati ad entrambi i genitori, adottando in questo modo il principio di bigenitorialità .

La separazione dovrebbe incidere il meno possibile sulla vita dei figli, che dovrebbero essere affidati, in via preferenziale, ad entrambi i genitori.

Il principio della bigenitorialità si applica attraverso due modalità di affidamento, che sono il collocamento alternato e quello prevalente.

Il collocamento alternato

Il giudice dispone che i figli abitino presso il padre e presso la madre, cercando di bilanciare secondo equità il tempo presso l’uno e presso l’altra.

Il collocamento alternato potrebbe essere pregiudizievole per i figli, facendoli soffrire del continuo cambio di residenza al quale dovrebbero sottostare per abitare prima con il padre e poi con la madre, o viceversa.

Qui che entra in gioco il collocamento prevalente.

Il collocamento prevalente

Non è poco frequente che la bigenitorialità venga attuata con il collocamento prevalente dei figli presso uno dei genitori, che per questo motivo viene chiamato genitore “collocatario”.

Al genitore non collocatario viene riconosciuto il diritto di visita, vale a dire, la possibilità di tenere con sé il figlio, di solito due o tre giorni alla settimana, oppure a weekend alternati, dopo essersi accordato con l’altro genitore in relazione a tempi e modalità.

Secondo la legge, i tempi e le modalità devono essere determinati dal  giudice, fissando la misura e il modo con il quale ognuno di loro deve contribuire al mantenimento, alla cura, all’istruzione e all’educazione dei figli.

Sull’affidamento con collocamento prevalente, la Suprema Corte di Cassazione ha ricordato che la bigenitorialità non comporta l’applicazione matematica in termini di parità di tempi di frequentazione dei minori, ma deve essere interpretata piuttosto come il diritto di ciascun genitore ad essere presente in modo significativa nella vita del figlio nel reciproco interesse (Cass., ord. n. 31902/2018).

L’affidamento esclusivo

L’affidamento esclusivo dei figli a uno dei genitori rappresenta l’eccezione.

Il giudice deve provvedere a questo affidamento quando ritiene pregiudizievole per la prole la frequentazione di uno dei genitori.

Per la precisione, il giudice dispone l’affidamento esclusivo se ricorrono motivi gravi nei quali il genitore sia del tutto inadeguato al suo ruolo.

Un esempio è il padre che scompare dalla vita del figlio.

È possibile impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?

Nell’ambito dei provvedimenti relativi all’affidamento dei figli si pone la domanda del titolo del presente articolo.

Si può impedire ai figli di frequentare la compagna dell’ex?

La risposta in termini legislativi, è che non c’è una norma che stabilisca che cosa fare.

Il codice civile afferma che il giudice adotta i provvedimenti relativi ai figli con esclusiva relazione all’interesse morale e materiale degli stessi, determina i tempi e le modalità della loro presenza presso ognuno dei genitori e adotta ogni altro provvedimento relativo ai figli minorenni.

Il giudice non può impedire ai figli di frequentare la compagna dell’ex, né può ordinare al padre di allontanare la sua partner quando ci sono i figli.

La Suprema Corte di Cassazione ha ricordato che, nonostante si debba riconoscere all’autorità giudiziaria ampia libertà in materia di diritto di affidamento di un figlio minore, è necessario un rigoroso controllo sulle restrizioni supplementari, vale a dire, quelle che apporta il diritto di visita dei genitori, per non rischiare di mettere fine alle relazioni familiari tra un figlio piccolo e uno dei genitori (Cass., ord. n. 28883/2020).

La Suprema Corte vuole impedire che, con accordi e disposizioni, possa essere intaccato il principio della bigenitorialità.

In passato, un’altra sentenza della stessa Corte, è stata molto più esplicita, stabilendo che il diritto di visita che spetta  al genitore non collocatario non può essere ostacolato dal divieto di trascorrere il tempo con i figli in presenza dell’attuale compagna (Cass., sent. n. 283/2009).

Quello sinora scritto vale anche nel caso di separazione consensuale.

Le clausole che a volte vengono inserite negli accordi di separazione o di divorzio, quando si prevede l’obbligo per i coniugi di introdurre i compagni in modo graduale nella vita dei figli, come quelle che vietano i contatti per un determinato periodo di tempo, non costituiscono un autentico obbligo giuridico, ma un impegno morale che, se dovesse essere violato, non comporterebbe l’applicazione di nessuna sanzione.

In che modo impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex?

Impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex non è impossibile.

Di sicuro, non è possibile imporre una simile proibizione per il fatto che l’ex marito o la ex moglie  abbia un’altra relazione.

Al contrario, sarebbe possibile impedire ai figli di frequentare il compagno o la compagna dell’ex se la sua presenza risulta deleteria per la prole.

Ad esempio, è possibile chiedere al giudice la modifica delle condizioni dell’affido se si dimostra che la presenza di una donna nella vita dell’ex marito o di un uomo nella vita dell’ex moglie sia pregiudizievole per i figli.

Ad esempio, il compagno o la compagna che tengano in casa un comportamento immorale o illecita, facendo utilizzo di droga davanti ai minori.

In un caso simile, si dovrà chiedere al giudice non esclusivamente di proibire ai figli di trascorrere del tempo con il padre in presenza della sua compagna, ma anche di revocare l’affidamento al marito, se fosse responsabile di quello che accade ai figli.

È possibile impedire ai figli di frequentare la compagna dell’ex se c’è un motivo valido che deve essere portato a conoscenza del giudice e da questi valutato al fine dell’adozione dei necessari provvedimenti.

Volume consigliato

La tutela giuridica del minore

Il volume si propone di offrire una panoramica della normativa nel particolare settore che riguarda il diritto minorile, con approfondimenti in ordine alle problematiche delle scelte dei genitori che si ripercuotono sulla vita dei figli. Nel manuale vengono affrontate le tematiche afferenti a quei diritti che affondano le radici nei principi della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Tali diritti vengono messi in serio pericolo quando padri e madri affrontano la fine del loro rapporto e dovrebbero mantenere un costruttivo rapporto genitoriale; purtroppo, invece, la realtà ci mostra quanto sia difficile preservare le relazioni familiari. Tale difficoltà è stata recepita anche dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza che nella neonata “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori” prevede in apertura il diritto dei figli di continuare ad amare ed essere amati da entrambi i genitori e di mantenere i loro affetti. Secondo tale documento, bambini e adolescenti hanno il diritto di essere informati e aiutati a comprendere la separazione (o fine del rapporto) dei genitori, il diritto di essere ascoltati e quello di ricevere spiegazioni sulle decisioni che li riguardano, per giungere poi all’individuazione dei diritti come quello all’ascolto e alla partecipazione, del diritto a preservare le relazioni familiari, a non essere separati dai genitori contro la propria volontà, a meno che la separazione non sia necessaria nell’interesse preminente del minorenne. Ciò premesso, è doveroso evidenziare che i principi che regolano il diritto minorile sono materia d’interpretazione da parte dei magistrati, ma la loro conoscenza è necessaria anche nella formazione degli avvocati e in coloro che operano in questo settore.Cristina Cerrai, Avvocato in Livorno, patrocinante in Cassazione, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei mi- nori. Ha ricoperto il ruolo di Coordinatore Nazionale dell’Osservatorio di Diritto di Famiglia e dei Minori della Giunta A.I.G.A. Attualmente, in qualità di Consigliera di Parità della Provincia di Livorno, è responsabile del centro di ascolto antiviolenza “Sportello VIS”.Stefania Ciocchetti, Avvocata formata nel diritto di famiglia, si occupa di mediazione familiare dal 1995; componente Comitato degli Esperti della Scuola di Aggiornamento c/o Fondazione Scuola Forense Barese; componente Commissione Famiglia c/o COA Bari, nomina a componente Consiglio Distrettuale di Disciplina (distretto di Corte Appello Bari) per il prossimo quadriennio.Patrizia La Vecchia, è avvocato in Siracusa con una formazione specifica nell’ambito del diritto civile ed in particolare del diritto di famiglia e dei minori; già relatrice in numerosi convegni e corsi di formazione in materia di tutela dei minori e violenza alle donne; già componente dell’osservatorio del Diritto di famiglia dell’AIGA, autrice e curatrice di diverse pubblicazioni in materia di diritto di famiglia e minorile. Oggi Vicepresidente della Sezione di Siracusa.Ivana Enrica Pipponzi, Avvocata cassazionista, ha una formazione specifica nell’ambito del diritto di famiglia e dei minori. A seguito della sua provata esperienza specifica, ha ricoperto le cariche di componente dell’Osservatorio Nazionale di Diritto di Famiglia e dei Minori di AIGA, di responsabile nazionale del Dipartimento “Diritto di Famiglia e Persone” e di coordinatrice del Dipartimento “Persona e Tutela dei Diritti Umani” della Fondazione AIGA “Tommaso Bucciarelli. Già Commissaria Regionale per le Pari Opportunità della Regione Basilicata, è l’attuale Consigliera Regionale di Parità per la Basilicata. Coautrice di numerosi volumi editi dalla Maggioli Editore in materia di Diritto di famiglia, dei minori e Successioni.Emanuela Vargiu, Avvocato cassazionista, formata nel diritto civile ed amministrativo; da dieci anni patrocinatore di cause innanzi alle Magistrature Superiori, esercita la professione a Cagliari. È autrice di diverse pubblicazioni giuridiche in materia di Diritto di famiglia e successioni.Contenuti on line L’acquisto del volume include la possibilità di accedere al sito https://www.maggiolieditore.it/approfondimenti, dove sono presenti significative risorse integrative, ovvero il formulario, in formato editabile e stampabile, la giurisprudenza e la normativa di riferimento. Le indicazioni per effettuare l’accesso sono all’interno del volume.

Cristina Cerrai, Stefania Ciocchetti, Patrizia La Vecchia, Ivana Enrica Pipponzi, Emanuela Vargiu | 2019 Maggioli Editore

34.00 €  32.30 €