Distacco riscaldamento centralizzato: necessità autonomo

Scarica PDF Stampa Allegati

Il condomino che si distacca dall’impianto di riscaldamento centralizzato deve installare un impianto proprio?
riferimenti normativi: artt. 1118 c.c.
precedenti giurisprudenziali: Cass. civ., sez. II, Sentenza n. 22285 del 03/11/2016
Volume consigliato per approfondire: Manuale operativo del condominio

Corte di Cassazione -sez. II civ.- sentenza n. 26185 del 08-09-2023

DISTACCO-CALDERINA-SENTENZA-26185.pdf 219 KB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Indice

1. La vicenda


Un condomino che si era distaccato dall’impianto centrale si rivolgeva al Tribunale impugnando la delibera condominiale, limitatamente ai punti 1 e 3 dell’ordine del giorno, con i quali il condominio, nel riparto delle spese di riscaldamento, gli attribuiva l’onere di pagamento pro quota anche delle spese relative al consumo, pur essendosi distaccato ai sensi dell’art. 1118 c.c.; l’attore chiedeva che fosse accertata la legittimità del distacco e la non derivabilità dallo stesso di squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. Il condominio proponeva domanda riconvenzionale di accertamento dell’illegittimità del distacco per violazione dell’art. 1118 c.c. Il Tribunale rigettava tutte le domande dell’attore e accoglieva la domanda riconvenzionale del convenuto condominio. In particolare il Tribunale, richiamando le conclusioni del consulente tecnico d’ufficio, rilevava in primo luogo che il distacco operato dal comportava un aggravio delle spese dei consumi per gli altri condomini, determinato anche dal fatto che il condomino, nell’operare il distacco, non aveva provveduto ad installare un autonomo impianto di riscaldamento, usufruendo quindi del calore prodotto dai radiatori degli altri condomini; in secondo luogo il Tribunale osservava che la delibera nella quale affermava essere stato implicitamente autorizzato al distacco non risultava agli atti del procedimento e che anzi, da altra successiva delibera, si desumeva che il condominio, chiedendo pareri legali in ordine ad un “eventuale” distacco dall’impianto centralizzato e in relazione al quale andava determinato “il danno economico subito dai restanti condomini”, il condominio si riservava in realtà ogni decisione in merito. La Corte di Appello dichiarava inammissibile l’appello.

3. La soluzione


La Cassazione ha dato ancora torto al distaccato. I giudici supremi hanno ricordato che il diritto potestativo di ciascun condomino di abdicare dall’uso dell’impianto comune di riscaldamento, affinché possa costituirsi un impianto autonomo, opera sempre che l’interessato provi che dal distacco non deriverà né un aggravio di spese per coloro che continuano a fruire del riscaldamento centralizzato, né uno squilibrio termico dell’intero edificio, pregiudizievole per la regolare erogazione dei servizi. Come ha notato la Cassazione, secondo il giudice di merito il distacco operato dal condomino comportava un aggravio delle spese dei consumi per gli altri e comunque non risultava agli atti la prova dell’insussistenza dei pregiudizi richiesta dalla legge.

4. Le riflessioni conclusive


I condomini legittimamente distaccati dall’impianto di riscaldamento centralizzato sono esonerati dal pagamento delle spese di esercizio dell’impianto medesimo; rimangono, invece, obbligati a contribuire alle spese straordinarie e di conservazione qualora l’impianto conservi, dopo il distacco, la natura di bene di proprietà comune, con la possibilità per gli stessi condomini, in caso di ripensamento, di allacciare nuovamente la propria unità immobiliare all’impianto centralizzato.
Ciò presuppone che il condomino distaccandosi non determini notevoli squilibri di funzionamento dell’impianto stesso o aggravi di spesa per gli altri condòmini.
L’insussistenza di tali pregiudizi deve essere provata dal condomino, mediante preventiva informazione corredata da documentazione tecnica, salvo che l’assemblea condominiale abbia autorizzato il distacco sulla base di una propria, autonoma valutazione del loro non verificarsi (Cass. civ., sez. VI, 03/11/2016, n. 22285). Nella decisione in commento viene sottolineato che un aggravio delle spese dei consumi per gli altri condomini può derivare dal fatto che il condomino non abbia installato un autonomo impianto di riscaldamento. In ogni caso il distacco dal riscaldamento condominiale può essere negato per evitare squilibri nell’impianto condominiale o aggravi di spesa ma non perché l’impianto autonomo non è a norma. A cambiare questi principi non servirebbe neppure una formale dichiarazione dei condomini distaccati di essere disinteressati al nuovo impianto e di non aver alcuna intenzione di riallacciarvisi in futuro, perché, come stabilisce l’articolo 1118 c.c., “Il condomino non può rinunziare al suo diritto sulle parti comuni”. Al contrario deve essere annullata la delibera condominiale che abbia posto a carico del condomino la partecipazione alle spese straordinarie e di conservazione dell’impianto centralizzato di riscaldamento nel caso in cui lo stesso si sia distaccato dall’impianto ma non abbia più la possibilità di un futuro riallaccio allo stesso.

Volume consigliato

FORMATO CARTACEO

Manuale operativo del condominio

Il volume risulta essere unico nel suo genere nel panorama editoriale. Nella filosofia Maggioli il testo è stato concepito per essere fruito rapidamente da operatori del settore e non, fino a fornire nozioni giuridiche sempre con finalità pratiche. La tematica condominiale è solita essere analizzata con poca attenzione ma oggi è stata trattata come una vera e propria branca del diritto civile e come tale merita di essere esaminata completamente. Dalla lettura dei singoli capitoli emergono chiari i concetti e lo stile esplicativo raggiunge l’obiettivo di implementare la conoscenza individuale. L’opera riesce a dare una nozione completa e non vi è argomento che sia trattato parzialmente. Infatti dopo l’inquadramento del condominio e delle proprietà dello stesso si passa alla trattazione dei rapporti tra condominio e terzi e tra i condomini, fino ad avere chiarezza sulla ripartizione delle spese e sulle tabelle millesimali, con la esaustiva trattazione della figura dell’amministratore, sui vizi delle assemblee e sulla modalità della videosorveglianza. L’appendice a cura del Presidente della ASS.I.A.C., Concetta Cinque, esamina le possibilità che l’ordinamento concede ai condomini per svolgere le assemblee sotto l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. Il testo risulta un vero e proprio strumento indispensabile per chi vuole o deve essere sempre aggiornato sul condominio. La formula unica dell’esposizione delle tematiche fa di quest’opera un fondamentale compagno per il “viaggio lavorativo” ed un prezioso testo formativo, necessario ad ogni livello di conoscenza.   Massimo SerraCuratore e Coautore dell’opera, Avvocato Cassazionista del Foro di Roma, titolare e fondatore dello studio legale S.L.S., con esperienza ultra ventennale nel settore condominiale e dei diritti reali in genere. Cultore di diritto privato e formatore in seminari specialistici con riguardo alla figura dell’avvocato nella difesa del condominio e relazioni tra difesa, amministratore, controparte e condomini. Docente in scuole, centri di studi giuridici di diritto privato e penale e membro del comitato editoriale di rivistasul diritto dell’internet. Esperto di riscossione del credito con pubblicazioni sul credito condominiale e sulla solvibilità del condominio. Partecipazione in qualità di relatore aconferenze sulla mediazione e sulla negoziazione assistita in ambito condominiale. Partecipazione ad appuntamenti di studio. Ha curato il manuale del condominio oltre a pubblicare monografie ed edizioni scientifiche sullo stesso tema ed altri istituti collegati e connessi quali la multiproprietà, la comunione, la locazione, gli appalti e la responsabilità nel mandato.

Massimo Serra (a cura di) | Maggioli Editore 2020

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento