Cassazione: il diniego di colloquio fra imputato e difensore va eccepito prima dell’interrogatorio

Cassazione: il diniego di colloquio fra imputato e difensore va eccepito prima dell’interrogatorio

Redazione

Versione PDF del documento

Lucia Nacciarone

La pronuncia della seconda sezione penale (sent. n. 38673 del 19 settembre 2013) ha respinto il ricorso di un avvocato, al quale era stato negato dal giudice il permesso di conferire con il proprio assistito prima dell’udienza di convalida dell’arresto.

Il difensore aveva eccepito nel corso della suddetta udienza la violazione del diritto di difesa, avendo il giudice disposto ex officio il divieto di colloquio sul presupposto della necessità di svolgere l’interrogatorio ai fini del giudizio di convalida dell’arresto, per il quale l’articolo 391 c.p.p. non prevede colloqui propedeutici anche per evitare l’alterazione della genuinità delle fonti di prova.

Tuttavia, avvisano i giudici di legittimità, il provvedimento di diniego deve essere motivato in ordine alle specifiche esigenze di cautela che ne hanno determinato l’adozione, pena la nullità.

Tale nullità, continuano gli ermellini, è da ricomprendere tra quelle di ordine generale a regime intermedio e dunque, per essere estesa anche al successivo interrogatorio, deve essere eccepita nei termini di cui all’art. 182 del codice di procedura penale, e cioè prima dell’espletamento delle formalità di apertura dell’atto dell’interrogatorio.

In particolare l’eccezione deve essere proposta subito dopo la lettura dell’ordinanza di reiezione della richiesta e prima del compimento dell’atto di interrogatorio; nel caso di specie, dal momento che era stata sollevata tardivamente, non è stata potuta far valere la nullità, e il ricorso è stato respinto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it