Antenne radioamatoriali nella proprietà del vicino: è lecito?

di Giuseppe Bordolli, Consulente legale condominialista
PDF

Radioamatori in condominio: il diritto di collocare nella proprietà del vicino antenne destinate alla ricezione di servizi radioamatoriali

Non vi è dubbio che la facoltà per il radioamatore di installare un’antenna al fine dell’esercizio della sua attività, costituisca espressione del diritto all’informazione e alla libera manifestazione del pensiero e ricezione di quello altrui.

     Indice

  1. Il quadro normativo
  2. I limiti all’installazione dell’antenna del radioamatore

1. Il quadro normativo

La giurisprudenza inquadra il diritto di installazione di antenne, comprese quelle amatoriali, nell’alveo dei principi costituzionali; in particolare si ritiene che la facoltà del radioamatore di installare un’antenna ricetrasmittente costituisca un diritto soggettivo pieno e perfetto non suscettibile di valutazione economica, quale quello della manifestazione del pensiero. In altre parole, si afferma che tale diritto costituisce esplicazione del più generale diritto di libertà di manifestazione del pensiero e di informazione, costituzionalmente garantito dall’art. 21 della Costituzione. Si tratta, però, di una facoltà non priva di limitazioni. Infatti è sancito dall’art. 209 D.Lgs. n. 259/93, secondo il quale (primo comma) i proprietari di immobili o di porzioni di immobili non possono opporsi all’installazione sulla loro proprietà di antenne appartenenti agli abitanti dell’immobile stesso destinate alla ricezione dei servizi di radiodiffusione e per la fruizione dei servizi radioamatoriali, specificando, però, al comma 2, che le antenne, i relativi sostegni, cavi ed accessori non devono in alcun modo impedire il libero uso della proprietà. In ogni caso, si deve considerare che la stessa disciplina normativa richiama espressamente l’art. 91 con la conseguenza che il condominio può procedere all’installazione dell’antenna destinata alla ricezione di servizi radioamatoriali solo dimostrando di essere costretto ad utilizzare la proprietà esclusiva di altro condomino (che ex art 92 D.Lgs. n. 259/93 non ha diritto a nessuna indennità) o una parte comune.


Potrebbero interessarti anche:


 2. I limiti all’installazione dell’antenna del radioamatore

Alla luce della disciplina sopra vista, si può osservare che in un condominio il diritto di collocare nell’altrui proprietà antenne destinate alla ricezione di servizi radioamatoriali è subordinato all’impossibilità per il radioamatore di utilizzare spazi propri: in caso contrario, altrimenti, sarebbe ingiustificato il sacrificio imposto al proprietario dell’immobile gravato, considerato che il diritto all’installazione non comporta anche quello di scegliere a piacimento il sito preferito per l’antenna (Cass. civ., sez. II, 21 aprile 2009, n. 9427). Qualora si arrivasse ad una diversa conclusione si dovrebbe, infatti, ammettere che le norme sopra dette sono irragionevolmente vessatorie in quanto ingiustificatamente volte a privilegiare gli interessi di una parte a danno di quelli dell’altra, anche quando non è necessario per il loro soddisfacimento. Al contrario, il diritto del radioamatore di installare e mantenere l’antenna sul lastrico di proprietà del condomino vicino è condizionato alla dimostrazione dell’impossibilità di effettuare siffatta installazione su beni propri o di proprietà condominiale (App. Bari 29 aprile 2021 n. 829 nel caso di specie gli appellanti non hanno fornito alcuna prova, ai fini di una ottimale ricezione del segnale radio, della necessità dell’installazione dell’antenna sul lastrico solare di proprietà esclusiva, mentre secondo il CTU incaricato dal giudice d’appello, la migliore ubicazione dell’antenna, sia dal punto di vista dell’efficacia del segnale, sia dal punto di vista dell’accesso indisturbato della proprietà del terrazzo, era sul muro del torrino delle scale con aggancio diretto alle staffe del palo dell’antenna TV degli appellanti o su un nuovo palo di sostegno, con annessi tiranti e staffe di fissaggio); Cass. civ., sez. I, 7 luglio 2017, n. 16865). Naturalmente, l’onere di provare – se del caso anche con una perizia – che non è possibile utilizzare uno spazio proprio o condominiale per l’installazione dell’antenna in questione, grava sul condomino che intenda effettuarla. Se tale prova viene fornita l’esercizio di tale diritto all’installazione, pertanto, non può essere impedito né dall’assemblea di condominio né dal regolamento condominiale, in quanto l’eventuale ritardo nella posa dell’antenna potrebbe indurre il radioamatore a chiedere un provvedimento di urgenza e il risarcimento dei danni per ritardo o mancata installazione. In ogni caso una delibera che vieti l’installazione deve essere considerata nulla, con la conseguenza che il condomino leso può far accertare il proprio diritto all’installazione stessa, anche se abbia agito in giudizio oltre i termini previsti dall’art. 1137 c. c. o, essendo stato presente all’assemblea, senza esprimere voto favorevole alla delibera, non abbia manifestato espressamente la propria opposizione alla delibera stessa.

Volume consigliato

Manuale operativo del condominio

Manuale operativo del condominio

Il volume risulta essere unico nel suo genere nel panorama editoriale.

Nella filosofia Maggioli il testo è stato concepito per essere fruito rapidamente da operatori del settore e non, fino a fornire nozioni giuridiche sempre con finalità pratiche.

La tematica condominiale è solita essere analizzata con poca attenzione ma oggi è stata trattata come una vera e propria branca del diritto civile e come tale merita di essere esaminata completamente.

Dalla lettura dei singoli capitoli emergono chiari i concetti e lo stile esplicativo raggiunge l’obiettivo di implementare la conoscenza individuale.

L’opera riesce a dare una nozione completa e non vi è argomento che sia trattato parzialmente.

Infatti dopo l’inquadramento del condominio e delle proprietà dello stesso si passa alla trattazione dei rapporti tra condominio e terzi e tra i condomini, fino ad avere chiarezza sulla ripartizione delle spese e sulle tabelle millesimali, con la esaustiva trattazione della figura dell’amministratore, sui vizi delle assemblee e sulla modalità della videosorveglianza.

L’appendice a cura del Presidente della ASS.I.A.C., Concetta Cinque, esamina le possibilità che l’ordinamento concede ai condomini per svolgere le assemblee sotto l’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

Il testo risulta un vero e proprio strumento indispensabile per chi vuole o deve essere sempre aggiornato sul condominio.

La formula unica dell’esposizione delle tematiche fa di quest’opera un fondamentale compagno per il “viaggio lavorativo” ed un prezioso testo formativo, necessario ad ogni livello di conoscenza.

Massimo Serra
Curatore e Coautore dell’opera, Avvocato Cassazionista del Foro di Roma, titolare e fondatore dello studio legale S.L.S., con esperienza ultra ventennale nel settore condominiale e dei diritti reali in genere. Cultore di diritto privato e formatore in seminari specialistici con riguardo alla figura dell’avvocato nella difesa del condominio e relazioni tra difesa, amministratore, controparte e condomini. Docente in scuole, centri di studi giuridici di diritto privato e penale e membro del comitato editoriale di rivista
sul diritto dell’internet. Esperto di riscossione del credito con pubblicazioni sul credito condominiale e sulla solvibilità del condominio. Partecipazione in qualità di relatore a
conferenze sulla mediazione e sulla negoziazione assistita in ambito condominiale. Partecipazione ad appuntamenti di studio. Ha curato il manuale del condominio oltre a pubblicare monografie ed edizioni scientifiche sullo stesso tema ed altri istituti collegati e connessi quali la multiproprietà, la comunione, la locazione, gli appalti e la responsabilità nel mandato.

Leggi descrizione
Massimo Serra (a cura di), 2020, Maggioli Editore
54.00 € 51.30 €

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

giuseppe-bordolli

Giuseppe Bordolli

Giuseppe Bordolli, Consulente legale, esperto di diritto immobiliare. Svolge attività di consulenza per amministrazioni condominiali e società di intermediazione immobiliare. E’ coordinatore della nuova collana “Condominio” del Gruppo Maggioli. E’ collaboratore di un importante quotidiano e delle migliori riviste di diritto immobiliare. Autore di numerose monografie in materia di condominio, mediazione immobiliare, locazione, divisione ereditaria, privacy, nonché di articoli di commento e note a sentenza. E’ mediatore e docente in corsi di formazione per le professioni immobiliari.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e