Telemarketing: la proposta di legge per bloccare le chiamate moleste

Telemarketing: la proposta di legge per bloccare le chiamate moleste

di Redazione

Versione PDF del documento

Cerchi un avvocato? Confronta subito i preventivi dei nostri migliori esperti. È gratis!

 

Una proposta di legge attualmente in discussione in Parlamento potrebbe bloccare tutte le chiamate indesiderate su cellulare da call center. Il cosiddetto “Ddl concorrenza” per l’apertura dei mercati e la tutela dei consumatori prevede infatti, tra le varie misure, la possibilità di iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizioni di tutti numeri di cellulare. L’approvazione definitiva della misura, tuttavia, potrebbe slittare ai primi mesi del 2017.

Vediamo allora, intanto, come è possibile bloccare le chiamate indesiderate dei call center.

 

Come si potranno bloccare le chiamate da call center?

La proposta contenuta nel Ddl concorrenza prevede che i cittadini possano iscrivere il loro numero di cellulare all’interno del Registro Pubblico delle Opposizioni.

Il Registro è un servizio a tutela dei cittadini, istituito ufficialmente dal DPR n. 178/2010, che permette di opporsi alle telefonate pubblicitarie indesiderate. Chi lo desidera può già iscriversi al Registro e bloccare le chiamate: l’operatore che desidera avviare un servizio di telemarketing deve infatti preliminarmente registrarsi al sistema e “comunicare la lista dei numeri che intende contattare”. In caso contrario, incorre “nelle sanzioni previste dal Codice della Privacy”.

Il Registro Pubblico delle Opposizioni, tuttavia, funziona oggi solo per i numeri scritti negli elenchi telefonici pubblici. Dunque non per i numeri di cellulare, che sono spesso negli ultimi anni i più bersagliati.

 

Possibile bloccare anche i consensi dati in precedenza

Il nuovo Ddl concorrenza permetterebbe dunque, se approvato, di bloccare finalmente anche le chiamate sul numero di cellulare. Un servizio sicuramente molto apprezzato dalle migliaia di italiani che ogni giorno devono fare i conti con telefonate inopportune e fastidiose.

Ma non solo: il disegno di legge in esame prevede che anche i consensi per l’uso del numero di telefono dati (spesso involontariamente) prima dell’iscrizione nel Registro siano considerati illegittimi. Una protezione, dunque, del tutto completa. 

 

Come ci si iscrive al Registro?

Iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni è facile. Nella pratica, per registrarsi basta scegliere una delle seguenti cinque opzioni:

  • raccomandata, scrivendo direttamente al gestore del Registro a Roma;
  • fax, al numero 06.54224822;
  • e-mail, all’indirizzo abbonati.rpo@fub.it;
  • telefonata, al numero verde 800.265.265;
  • modulo elettronico, disponibile nell’”area abbonato” del sito www.registrodelleopposizioni.it.

L’iscrizione al Registro è totalmente gratuita, ha durata indefinita e può essere revocata dal cittadino in qualunque momento.

 

Le app che bloccano le chiamate moleste

 

Leggi anche: Come bloccare le chiamate moleste sul cellulare.

 

Cosa fare, allora, nell’attesa che la proposta di legge venga approvata?

Una soluzione alternativa può essere l’uso di app per cellulari che sono in grado di riconoscere i numeri indesiderati. Le app che sembrano aver convinto più utenti negli ultimi mesi sono Truecaller, Dovrei rispondere? e Calls Blacklist. Tutti e tre i programmi sono gratuiti, almeno nella loro versione base, e permettono di riconoscere le chiamate ricevute da call center e altri numeri “fastidiosi” o indesiderati, contrassegnarle come tali e bloccarle.

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!