Spedizione dell’atto di impugnazione via raccomandata

Scarica PDF Stampa
Cosa comporta la spedizione, per raccomandata, dell’atto di impugnazione ex art. 583, comma 2, cod. proc. pen.

    Indice

  1. La questione
  2. La soluzione adottata dalla Cassazione
  3. Conclusioni

(Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 583, co. 2)

1. La questione

Il Tribunale di Ravenna, quale giudice di appello avverso le decisioni del giudice di pace, dichiarava inammissibile una impugnazione proposta avverso la sentenza del Giudice di Pace di quella stessa città in data 14 gennaio 2021 (depositata il 26 gennaio 2021) – che aveva condannato l’appellante alla pena di giustizia per i reati di cui agli artt. 582 e 612 cod. pen. -, in quanto pervenuta alla Cancelleria del medesimo Tribunale in data 2 marzo 2021, scaduto, dunque (il 1 marzo 2021), il termine per impugnare.

Orbene, avverso il suddetto provvedimento proponeva ricorso per Cassazione il difensore dell’imputato censurando tale decisione, per violazione dell’art. 583, comma 2, cod. proc. pen., sul rilievo che il Tribunale aveva errato nel non considerare perfezionata l’impugnazione alla data di spedizione dell’atto, che aveva avuto luogo, a mezzo posta raccomandata con ricevuta di ritorno, in data 26 febbraio 2021.

A sua volta, con apposita requisitoria, il Procuratore Generale, in persona del Sostituto, concludeva chiedendo che l’ordinanza impugnata fosse annullata senza rinvio, con restituzione degli atti al Tribunale di Ravenna per la valutazione nel merito dell’atto di appello.


Potrebbero interessarti anche:


2. La soluzione adottata dalla Cassazione

Il ricorso proposto era ritenuto meritevole di accoglimento sulla scorta di quanto affermato dalle Sezioni Unite, nella sentenza n. 8 del 11/05/1993, con cui è stato chiarito che la spedizione dell’atto di impugnazione ex art. 583, comma 2, cod. proc. pen., tramite raccomandata, non costituisce un terzo tipo di presentazione dell’impugnazione, in aggiunta a quelli stabiliti ai commi 1 e 2 dell’art. 582 cod. proc. pen., ma disciplina una particolare modalità di presentazione dell’atto: in tal caso – hanno affermato -: «l’impugnazione si considera proposta nella data di spedizione della raccomandata>> (art. 583, comma 2, cod. proc. pen.).

Orbene, poiché, ad avviso del Supremo Consesso, a tale principio di diritto il giudice censurato aveva dimostrato di non essersi attenuto, l’ordinanza impugnata era annullata senza rinvio con trasmissione degli atti al Tribunale di Ravenna per quanto di competenza.

3. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi chiarito cosa comporta la spedizione, per raccomandata, dell’atto di impugnazione ex art. 583, comma 2, cod. proc. pen..

Difatti, si afferma, in tale pronuncia, sulla scorta di quanto affermato dalle Sezioni Unite nella sentenza n. 8/1993, che la spedizione dell’atto di impugnazione ex art. 583, comma 2, cod. proc. pen., tramite raccomandata, non costituisce un terzo tipo di presentazione dell’impugnazione, in aggiunta a quelli stabiliti ai commi 1 e 2 dell’art. 582 cod. proc. pen., ma disciplina una particolare modalità di presentazione dell’atto e, quindi, in tal caso, l’impugnazione si considera proposta nella data di spedizione della raccomandata.

Tale provvedimento, quindi, deve essere preso nella dovuta considerazione ogni volta si debba appurare se la spedizione di una impugnazione avvenuta con tali modalità abbia garantito la presentazione di tale atto nei termini richiesti.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta decisione, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica procedurale sotto il profilo giurisprudenziale, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Autori e vittime di reato

Il presente volume, pubblicato grazie al sostegno economico dell’Università degli Studi di Milano (Piano di sostegno alla ricerca 2016/2017, azione D), raccoglie i contributi, rivisti ed aggiornati, presentati al convegno internazionale del 7 giugno 2016, al fine di consentire, anche a coloro che non hanno potuto presenziare all’evento, di vedere raccolte alcune delle relazioni, che sono confluite in un testo scritto, e i posters scientifici che sono stati esposti, in quella giornata, a Palazzo Greppi (Milano) e successivamente pubblicati sulla Rivista giuridica Diritto Penale Contemporaneo (www.penalecontemporaneo.it). Raffaele Bianchetti è un giurista, specialista in criminologia clinica; lavora come ricercatore presso il Dipartimento di Scienze giuridiche “Cesare Beccaria” dell’Università degli Studi di Milano e come magistrato onorario presso il Tribunale di Milano. Da anni insegna Criminologia e Criminalistica e svolge attività didattica all’interno di corsi di formazione post-lauream e di alta formazione in Italia e all’estero; partecipa come relatore a convegni, congressi e incontri di studio nazionali ed internazionali; fa parte di gruppi di ricerca, anche di natura transnazionale, coordinandone alcuni come responsabile dei progetti. È autore di scritti monografici e di pubblicazioni giuridiche di stampo criminologico, alcune delle quali sono edite all’interno di opere collettanee e di riviste scientifiche specializzate. Membro componente di comitati scientifici e di comitati redazionali, è condirettore  di due collane editoriali.Luca Lupária Professore Ordinario di Diritto processuale penale nell’Università degli Studi di Roma Tre e visiting professor  in Atenei europei e americani, è autore di scritti monografici su temi centrali della giustizia penale e di oltre cento pubblicazioni scientifiche, apparse anche su riviste straniere e volumi internazionali. È responsabile di programmi e gruppi di ricerca transnazionali sui diritti delle vittime, sulle garanzie europee dell’imputato e   sui rimedi all’errore giudiziario. Condirettore di collane editoriali, è vice-direttore della rivista “Diritto penale contemporaneo” .Elena Mariani è laureata in giurisprudenza e specialista in criminologia clinica. Da oltre dieci anni collabora con la Catte- dra di Criminologia e Criminalistica del Dipartimento di Scienze giuridiche “Cesare Beccaria” dell’Università degli Studi di Milano, effettuando seminari e attività di ricerca sui temi della giustizia penale minorile, della vittimologia, dell’esecuzione penale e delle misure di prevenzione. Svolge da anni attività didattica in corsi di formazione post-lauream e di alta formazione presso diversi atenei italiani. È autrice di una monografia in tema di sistema sanzionatorio minorile e per gli adulti edita in questa Collana e di varie pubblicazioni in materia criminologica, edite all’interno di opere collettanee e di riviste scientifiche specializzate. Attualmente   è componente esperto del Tribunale di Sorveglianza di Milano e dottoranda di ricerca in diritto penale presso l’Università degli Studi di Milano. 

Elena Mariani, a cura di Raffaele Bianchetti, Luca Lupària | 2018 Maggioli Editore

36.00 €  34.20 €

Sentenza collegata

123635-1.pdf 112kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento