Separazione, a quale dei due coniugi spetta mantenere i figli

Separazione, a quale dei due coniugi spetta mantenere i figli

di Concas Alessandra, Referente Aree Diritto Civile, Commerciale e Fallimentare e Diritto di Famiglia

Versione PDF del documento

In presenza di separazione, chi non versa quelli che di solito vengono chiamati “alimenti” rischia di essere accusato del reato di violazione degli obblighi familiari.

Volume consigliato

L’assegno di mantenimento per i figli

L’assegno di mantenimento per i figli

Manuela Rinaldi, 2017, Maggioli Editore

Aggiornato con la sentenza della Corte di Cassazione n. 11504 del 10 maggio 2017, con la quale si è superato il precedente consolidato orientamento, che collegava la misura dell’assegno al parametro del tenore di vita matrimoniale, indicando come parametro...



La differenza tra mantenimento di figli di coppie sposate e non sposate

Se una coppia di persone che convivono si separa, nessuno dei due ha l’obbligo di mantenere l’altro, anche se uno dei due dovesse essere privo di un reddito.

Non succede lo stesso se ci sono dei figli nati dalla relazione.

In presenza di simili circostanze valgono le stesse regole relative alle coppie sposate.

Se qualcuno dovesse convivere con una persona che ha dei figli, nati da una precedente relazione, a nei confronti degli stessi non deve versare nessun mantenimento, mentre nei confronti dei figli naturali il mantenimento è dovuto.

La differenza nel mantenimento dei figli per coppie separate e divorziate

Il titolo dell’articolo riporta una domanda che spesso qualcuno si pone in relazione al fatto di potere  sapere in che modo funzioni il mantenimento dei figli e a chi dei due ex coniugi debba spettare.

Il discorso deve essere esteso anche alle coppie che hanno intrapreso il primo gradino, vale a dire quello della separazione.

Secondo la giurisprudenza, i figli hanno il diritto di conservare lo stesso tenore di vita che avevano quando ancora i genitori stavano insieme, vale a dire, sia prima sia dopo il divorzio.

La finalità è garantire sia ai figli minorenni sia ai figli che abbiano raggiunto la maggiore età, quelle tutele che padre e madre, anche se ancora uniti in matrimonio, devono essere in grado di fornire sino al raggiungimento dell’indipendenza economica.

Come si scriveva all’inizio, se il mantenimento dei figli è sempre scontato, quello all’ex coniuge non lo è allo stesso modo.

L’ex coniuge ha diritto a un assegno di mantenimento esclusivamente a condizione che:

il suo reddito sia inferiore a quello dell’altro coniuge, non sia stato dichiarato dal giudice responsabile per la fine del matrimonio, attraverso il cosiddetto addebito, la sua età o le condizioni di salute non gli consentano di trovare un’occupazione per rendersi autonomo.

Il mantenimento dei figli in relazione al divorzio

Al momento della separazione dei coniugi, il giudice fa presente quali siano le condizioni di mantenimento dei figli.

La maggior parte delle volte, se non si verificano cambiamenti di reddito dalle parti, confermate in sede di divorzio.

In relazione a queste circostanze, il discorso che verrà fatto può essere convertito anche alla risposta alla domanda simile: se due persone si separano, a chi spetta mantenere i figli?

Volume consigliato

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Michele Angelo Lupoi, 2018, Maggioli Editore

L’opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la...



La collocazione e l’affidamento dei figli

Il giudice fissa in primis quale sarà il coniuge presso il quale il figlio o i figli andranno a vivere (è il cosiddetto coniuge collocatario): di solito si tratta della madre.

Il figlio che ha compiuto almeno 12 anni deve essere ascoltato dal tribunale per esporre la sua versione.

La decisione sull’affidamento è diversa.

Un genitore avrà il potere di decidere sulle scelte più importanti dei bambini.

La regola stabilisce che l’affido debba essere condiviso, vale a dire spetti sia al padre sia alla madre, salvo in presenza di circostanze nelle quali uno dei due non sia capace e possa compromettere il sano equilibrio psicofisico del bambino.

In simili situazioni si avrà un affidamento esclusivo.

L’assegno di mantenimento per i figli

Quando viene stabilito con quale dei due genitori in figlio andrà a vivere, si determinano delle importanti ripercussioni in relazione a due aspetti.

L’assegnazione della casa coniugale e l’assegno di mantenimento.

In relazione al primo, indipendentemente a chi sia intestato l’immobile, il giudice affida il diritto di abitazione al genitore con il quale i figli andranno a vivere;

In relazione all’assegno di mantenimento, il genitore che non convive con i figli dovrà versare all’altro un assegno annuale, suddiviso in 12 mensilità, al fine di contribuire alle spese ordinarie dei figli.

È stato appena utilizzato il verbo “contribuire”.

Questa scelta di vocaboli non è stata fatta di sicuro a caso.

L’assegno non deve coprire ogni esigenza per i bambini visto che entrambi i genitori devono provvedere al loro mantenimento, in proporzione alle rispettive possibilità economiche.

Questo sta a significare che il genitore collocatario dovrà fare la sua parte, provvedendo alle normali spese e necessità quotidiane, ricevendo per questo il contributo economico da parte del genitore non collocatario.

Il tribunale, quando ha definito l’assegno di mantenimento per i figli, non ha ripartito le spese a metà tra padre e madre, ma ha considerato le rispettive capacità economiche.

Una conseguenza, potrebbe essere che  davanti a una donna senza reddito, l’intero mantenimento dei figli grava sull’uomo.

Allo stesso tempo, se si dovesse venire a sapere della presenza di un reddito che appartiene alla madre collocataria, non si esclude di sicuro l’obbligo nei confronti dell’ex marito di contribuire, in base alle sue possibilità, al mantenimento dei figli.

Questo perché l’obbligo di mantenere i figli deriva dal fatto di averli fatti nascere e non dalla disparità di reddito tra i due genitori.

Volume consigliato

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Le tutele legali nelle crisi di famiglia

Michele Angelo Lupoi, 2018, Maggioli Editore

L’opera si struttura in tre volumi tra loro coordinati, affrontando in modo pragmatico le tematiche relative alla crisi dei rapporti familiari. Nel primo tomo viene esposta con commento dettagliato la disciplina sostanziale. Nel secondo tomo si espone, con risvolti operativi, la...



Assegno mensile di mantenimento a parte, il giudice condanna il coniuge non collocatario ad erogare, ogni volta che si presenti la necessità, un contributo per e spese straordinarie che dovessero sorgere in futuro,

Ad esempio la necessità  relativa ai viaggi, all’acquisto di un mezzo di trasporto.

La percentuale di partecipazione alle spese straordinarie è di solito fissata al 50% ma il tribunale ne potrebbe anche prevedere una diversa, considerando la seconda delle condizioni economiche delle parti.

La revisione dell’assegno di mantenimento

Quando il giudice fissa le regole da seguire, l’assegno di mantenimento dei figli può essere sempre oggetto di successiva revisione, se cambiano le circostanze di fatto come il reddito di uno dei due genitori e le esigenze dei figli, ad esempio i soldi necessari per fare fronte alle spese universitarie.

 

Il giudice revoca l’assegno di mantenimento quando viene dimostrato che hanno raggiunto l’indipendenza economica, vale a dire, un lavoro conforme alle personali ambizioni tenuto lo stesso conto dell’attuale crisi occupazionale.

Oppure non si impegnano per rendersi indipendenti, ad esempio non studiando e non cercando un’occupazione.

Volume consigliato

L’assegno di mantenimento per i figli

L’assegno di mantenimento per i figli

Manuela Rinaldi, 2017, Maggioli Editore

Aggiornato con la sentenza della Corte di Cassazione n. 11504 del 10 maggio 2017, con la quale si è superato il precedente consolidato orientamento, che collegava la misura dell’assegno al parametro del tenore di vita matrimoniale, indicando come parametro...



 

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

concas-alessandra

Concas Alessandra

Giornalista iscritta all’albo dell’Ordine di Cagliari e Direttore responsabile di una redazione radiofonica web. Interprete, grafologa e criminologa. In passato insegnante di diritto e lingue straniere, alternativamente. Data la grande passione per il diritto, collabora dal 2012 con la Rivista giuridica on line Diritto.it, per la quale è altresì Coautrice della sezione delle Schede di Diritto e Referente delle sezioni attinenti al diritto commerciale e fallimentare, civile e di famiglia.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!