Può essere riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione per ingiusta detenzione

Può essere riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione per ingiusta detenzione

di Di Tullio D'Elisiis Antonio, Referente Area Diritto penale e Procedura penale

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - III sez. pen. - sentenza n. 20010 del 06-07-2020

Versione PDF del documento

 

 

(Annullamento con rinvio)

 

Il fatto

 

Con  ordinanza, giudicando in sede di rinvio disposto da Cass. pen., Sez. 4, con sentenza n. 54831 del 10 ottobre 2018, la Corte d’appello di Milano, accoglieva parzialmente una istanza ex art. 314 cod. proc. pen. con cui veniva liquidata al richiedente la somma di 3.100 euro a titolo di indennizzo per l’ingiusta detenzione patita nella misura di 31 giorni pari alla differenza tra la custodia cautelare sofferta – dapprima in carcere (quattro mesi) e successivamente agii arresti domiciliari (un mese e un giorno) – per complessivi mesi cinque e giorni uno e la pena di mesi quattro di reclusione definitivamente inflitta per il delitto di turbativa degli incanti, con esclusione della contestata circostanza aggravante di cui all’art. 353, comma 2, cod. pen..

 

I motivi addotti nel ricorso per Cassazione

 

Avverso tale ordinanza, il condannato, tramite il difensore di fiducia e procuratore speciale, proponeva ricorso per cassazione affidato a un motivo ossia: violazione dell’art. 606, comma 1, lett. b) e) cod. proc. pen. in relazione agli artt. 314 e 315 cod. proc. pen..

Assumeva a tal proposito il ricorrente che la motivazione sarebbe stata contraddittoria e illogica con riferimento all’importo liquidato per l’ingiusta detenzione patita in quanto, in primo luogo, la Corte di appello avrebbe erroneamente decurtato quattro mesi di reclusione, pari alla pena definitivamente inflitta per il delitto ex art. 353 cod. pen. (esclusa, pertanto, l’aggravante ex art. 353, comma 2, cod. pen.), senza considerare che, per detto reato, non è ammissibile l’applicazione della custodia in carcere mentre, in secondo luogo, a suo avviso, l’importo considerato dalla Corte territoriale, pari a 120 al giorno, sarebbe stato ingiusto a fronte dei danni patiti a causa della carcerazione, come la perdita del lavoro, le conseguenze sullo stato di salute e la crisi coniugale.

 

Le valutazioni giuridiche formulate dalla Cassazione

 

Il ricorso veniva stimato fondato per le seguenti ragioni.

Si osservava prima di tutto come il ricorrente avesse patito la misura della custodia in carcere, poi sostituta con quella degli arresti domiciliari, in relazione al delitto aggravato di cui all’art. 353, comma 2, cod. pen. e come fosse stato definitivamente condannato alla pena di mesi quattro di reclusione, condizionalmente sospesa, per il delitto di cui all’art. 353, comma 1, cod. pen.; al momento del fatto, in relazione al quale costui era stato definitivamente condannato, l’art. 353, comma 1, cod. pen. comminava la pena detentiva fino a due anni di reclusione.

Ciò posto, gli Ermellini stimavano come non avesse pregio la motivazione della Corte territoriale la quale si richiamava quanto affermato da Cass., Sez. 4, sentenza n.. 57368 dell’11/10/2018, che a sua volta si era appellata al principio secondo cui, in tema di ingiusta detenzione, con riguardo alla previsione di cui all’art. 314, comma 2, cod. proc. pen., non può dare diritto alla riparazione la circostanza che il richiedente abbia ottenuto, in sede di cognizione, la sospensione condizionale della pena in ordine al reato relativamente al quale era stato sottoposto a custodia cautelare – previa esclusione della circostanza aggravante contestata -, sempre che l’entità della condanna sia superiore alla durata della custodia cautelare subita mentre, in caso contrario, il diritto alla riparazione sussiste limitatamente alla parte di custodia cautelare che soverchi la misura della condanna (così Sez. 3, n. 12394 del 14/12/2016) posto che, in quest’ultima decisione, era stato negato il presupposto per ottenere l’ingiusta detenzione in considerazione dell’irrilevanza della sospensione condizionale della pena riconosciuta in sede di merito con riguardo a un delitto (la procurata inosservanza di pena ex art. 390, comma 1, prima parte, cod. pen.) per il quale, in ogni caso, era ammissibile l’applicazione di una misura cautelare personale.

Orbene, nella vicenda in questione, invece, a parere dei giudici di piazza Cavour, il dato rilevante – la cui valutazione era stata omessa dalla Corte territoriale – non era rappresentato dalla circostanza che il ricorrente, al momento in cui era stata disposta la misura custodiale, avrebbe potuto beneficiare dalla sospensione condizionale della pena bensì che per il titolo di reato, per il quale era intervenuta la condanna definitiva, non era ammessa, all’epoca del fatto, la custodia cautelare in carcere rilevandosi come in tal senso deponesse il chiaro dato letterale dell’art. 314, comma 2, cod. pen., che riconosce il diritto alla riparazione per ingiusta detenzione anche “al condannato che nel corso del processo sia stato sottoposto a custodia cautelare, quando con decisione irrevocabile risulti accertato che il provvedimento che ha disposto la misura è stato emesso (…) senza che sussistessero le condizioni di applicabilità previste dagli articoli 273 e 280”; tale ultima disposizione, in particolare, stabilisce, al comma 2, che la custodia in carcere può essere disposta solo per i delitti, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni mentre, nel caso de quo, il delitto ex art. 353, comma 1, cod. pen. prevedeva, all’epoca del fatto, la pena di due anni di reclusione sicché, non sussistendo le condizioni di applicabilità previste dall’art. 280, comma 2, cod. proc. pen., non poteva essere disposta la custodia cautelare in carcere.

Il Supremo Consesso, di conseguenza, alla luce delle considerazioni sin qui esposte, affermava il seguente principio di diritto: va riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione per ingiusta detenzione al condannato per un delitto, diversamente qualificato rispetto a quello contestato con l’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, in relazione al quale non poteva essere disposta la misura custodiale per difetto delle condizioni di applicabilità previste dall’art. 280, comma 2, cod. proc. pen..

Orbene, una volta enunciato tale criterio ermeneutico, i giudici di legittimità ordinaria, pur avendo riconosciuto il diritto dell’istante alla riparazione per l’ingiusta detenzione avendo escluso una condotta dolosa o colposa del condannato atteso che il giudice era oggettivamente nelle condizioni di negare la misura, osservavano come la Corte territoriale avesse però erroneamente limitato il periodo di ingiusta detenzione a soli 31 giorni, pari all’eccedenza rispetto alla pena inflitta in sede di merito, senza considerare che ab origine difettavano i presupposti applicativi della misura custodiale ex art. 280, comma 2, cod. proc. pen..

Dunque, fermo restando il riconosciuto diritto alla riparazione per ingiusta detenzione, l’ordinanza impugnata veniva perciò essere annullata con rinvio ad altra sezione della Corte di appello di Milano.

 

Conclusioni

 

La decisione in oggetto è assai interessante nella parte in cui viene affermato il principio di diritto secondo il quale va riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione per ingiusta detenzione al condannato per un delitto, diversamente qualificato rispetto a quello contestato con l’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, in relazione al quale non poteva essere disposta la misura custodiale per difetto delle condizioni di applicabilità previste dall’art. 280, comma 2, cod. proc. pen..

Di conseguenza, tale pronuncia può essere presa nella dovuta considerazione per proporre richiesta di riparazione per ingiusta detenzione ove si verifichi una situazione giuridica di questo genere.

Il giudizio in ordine a quanto statuito in siffatta sentenza, proprio perché fa chiarezza su tale tematica processuale, dunque, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Compendio di Procedura penale

Compendio di Procedura penale

Giorgio Spangher, Marco Zincani, 2020, Maggioli Editore

Il presente testo affronta in modo completo e approfondito la disciplina del processo penale, permettendo uno studio organico e sistematico della materia. L’opera è aggiornata alla L. n. 7 del 2020 di riforma della disciplina delle intercettazioni, al D.L. n. 28 del 2020 in tema di...



 

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonio-di-tullio-d-elisiis

Di Tullio D'Elisiis Antonio

Avvocato iscritto al foro di Larino (CB) e autore di diverse pubblicazioni redatte per conto di differenti case editrici. In particolare sono stati scritti molteplici libri, nonché e-book, prevalentemente in materia di diritto e procedura penale per la Maggioli editore, oltre che redatte da un lato, tre monografie rispettivamente sulle vittime di reato, mediante un commento del decreto legislativo, 15/12/2015, n. 212, per Altalex editore e sulla giustizia penale minorile e sui mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova per Nuova Giuridica, dall'altro, quattro monografie per la Primiceri editore (dibattimento nel processo penale; le impugnazioni straordinarie in ambito penale, il ruolo della parte civile nel processo penale e l'esecuzione penale). Per Diritto.it è Referente dell'area di Diritto penale e Procedura penale.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!