Proposta di riesame da indagato non titolare dell’oggetto sequestrato

Scarica PDF Stampa
     Indice

  1. La questione
  2. La soluzione adottata dalla Cassazione
  3. Conclusioni

(Riferimento normativo: Cod. proc. pen., art. 322)

1. La questione

Il Tribunale di Roma aveva dichiarato inammissibile una istanza di riesame avverso il decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP dello stesso Tribunale sul rilievo dell’assenza di un interesse concreto ed attuale alla proposizione del gravame che, dovendosi necessariamente individuare in quello alla restituzione della cosa come effetto del dissequestro, non poteva farsi coincidere – tenuto conto che il ricorrente aveva agito in proprio – con l’interesse ad ottenere una pronuncia sull’insussistenza del “fumus commissi delicti”, attesa l’autonomia del giudizio cautelare da quello di merito.
Ciò posto, avverso il suddetto provvedimento il difensore dell’indagato proponeva ricorso per Cassazione e, tra le doglianze proposte, per quel che rileva in questa sede, vi era una con cui il ricorrente contestava quanto statuito dal giudice di merito in quanto, a suo avviso, era stato disatteso quel filone giurisprudenziale secondo cui l’interesse ad impugnare può individuarsi anche nel dissequestro inteso quale pronuncia idonea ad influenzare anche il procedimento di merito in ordine alla sussistenza del fumus delicti.


Potrebbero interessarti anche:


2. La soluzione adottata dalla Cassazione

Il ricorso era dichiarato inammissibile alla luce di quell’orientamento nomofilattico secondo il quale l’indagato non titolare del bene oggetto di sequestro preventivo, astrattamente legittimato a presentare richiesta di riesame del titolo cautelare ai sensi dell’art. 322 cod. proc. pen., può proporre il gravame solo se vanta un interesse concreto ed attuale all’impugnazione, che deve corrispondere al risultato tipizzato dall’ordinamento per lo specifico schema procedimentale e che va individuato in quello alla restituzione della cosa come effetto del dissequestro (Sez. 3, n. 16352 del 11/01/2021).

3. Conclusioni

La decisione in esame desta un certo interesse nella parte in cui è ivi ribadito quell’orientamento interpretativo secondo cui, come appena visto, l’indagato non titolare del bene oggetto di sequestro preventivo, astrattamente legittimato a presentare richiesta di riesame del titolo cautelare ai sensi dell’art. 322 cod. proc. pen., può proporre il gravame solo se vanta un interesse concreto ed attuale all’impugnazione, che deve corrispondere al risultato tipizzato dall’ordinamento per lo specifico schema procedimentale e che va individuato in quello alla restituzione della cosa come effetto del dissequestro.
Tale sentenza, quindi, deve essa presa nella dovuta considerazione al fine di verificare se l’indagato, che versi in siffatta situazione, abbia titolo, o meno, per presentare una richiesta di riesame di questo genere.
Il giudizio in ordine a quanto statuito in codesto provvedimento, pertanto, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su tale tematica procedurale sotto il profilo giurisprudenziale, non può che essere positivo.

Volume consigliato

Quando scegliere un rito penale alternativo

Il presente volume tratta i procedimenti speciali, così come previsti dal codice di procedura penale, con un approccio pratico-applicativo, grazie anche alla presenza di tabelle riepilogative e tavole sinottiche, allo scopo di guidare il professionista nella scelta del rito (ove ciò sia possibile) e nell’affrontare le criticità cui può andare incontro durante l’iter processuale.Gli Autori, forti di un’esperienza professionale continua e attenta, offrono la propria competenza in materia, con lo sguardo di chi affronta quotidianamente questioni attinenti alla specialità dei procedimenti disciplinati dalle norme procedurali.Il volume tiene conto della riforma del rito abbreviato e affronta altresì la procedura nei confronti dei soggetti minori.Gabriele Esposito, Vice Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli. Avvocato penalista patrocinante in Cas- sazione. Cultore della materia in Diritto Processuale Penale. Autore di manuali giuridici.Alfonso Laudonia, Avvocato, Professore a contratto di Procedura Penale presso l’Università Tematica Pegaso. Si è specializzato in Diritto e procedura penale nonché in Progettazione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo degli Enti ed in Diritto sportivo. È stato Assegnista di ricerca in Economy Legal Security. È autore di plurime pubblicazioni in Diritto e procedura penale.Antonio Di Tullio D’Elisiis, Avvocato iscritto presso il Foro di Larino (CB). Referente di Diritto e procedura penale della rivista telematica http://diritto.it. Membro del comitato scientifico della Camera penale di Larino. Collaboratore stabile dell’Osserva- torio antimafia del Molise “Antonino Caponnetto”. Membro del Comitato Scientifico di Ratio Legis, Rivista giuridica telematica.

Antonio Di Tullio D’Elisiis, Gabriele Esposito, Alfonso Laudonia | 2019 Maggioli Editore

36.00 €  34.20 €

Sentenza collegata

123175-1.pdf 121kB

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati

Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento