Mancata richiesta di riesame: non osta alla revoca del sequestro

Redazione 16/10/18
Scarica PDF Stampa
Il caso riguarda l’ipotesi in cui l’interessato non ha tempestivamente proposto richiesta di riesame avverso il provvedimento applicativo di una misura cautelare reale, come il sequestro, non impedisce al medesimo di chiedere la revoca della misura per la mancanza delle condizioni di applicabilità, neanche in assenza di fatti sopravvenuti.

Le Sezioni Unite penali della Corte di Cassazione, con sentenza n. 46201 dell’11 ottobre 2018, hanno risposto ad uno specifico quesito loro sottoposto.

Istanza di rimessione alle Sezioni Unite

La questione di diritto che era stata rimessa alle Sezioni Unite era volta a chiarire se la mancata tempestiva proposizione, da parte dell’interessato, della richiesta di riesame avverso il provvedimento applicativo di una misura cautelare reale, legittimasse il tribunale del riesame a dichiarare inammissibile il successivo appello cautelare non fondato su elementi nuovi, ma su argomenti tendenti a dimostrare, sulla base di elementi già esistenti, la mancanza delle condizioni di applicabilità della misura.

Sul punto, la Suprema Corte hanno stabilito che per risolvere questioni attinenti alla individuazione di conseguenze processuali derivanti dalla mancata attivazione della procedura del riesame, sia con riguardo alle misure reali, che a quelle personali è sempre possibile la revoca per mancanza di condizioni di applicabilità.
In entrambi i casi, la Cassazione aveva concluso nel senso della mancanza di preclusione alla proposizione, dopo il decorso del termine previsto per la richiamata impugnazione, di istanze al giudice della cautela, volte alla revoca delle misure.

Il principio di diritto

In definitiva, il principio che è stato ribadito è il seguente: “anche in caso di mancata tempestiva proposizione da parte dell’interessato della richiesta di riesame avverso il provvedimento applicativo di una misura cautelare reale, resta intangibile il diritto all’appello ex dell’art. 322-bis cod. proc. pen., in quanto la mancata richiesta di riesame non preclude la revoca della misura cautelare per la mancanza delle condizioni di applicabilità della stessa, seppur in assenza di fatti sopravvenuti”.
Nel caso esaminato, le SU hanno ritenuto, sulla base dei principi ricordati, che nella decisione impugnata fosse stato erroneamente dichiarato inammissibile l’appello avverso il provvedimento che aveva rigettato l’istanza di revoca del sequestro, ritenendo che la contestazione circa l’esigibilità dei crediti fiscali presso la società raggiuta dalla misura cautelare andasse dedotta utilizzando il rimedio del riesame.

Volume consigliato

Fonti deboli e processo penale

Il legislatore interno ha cercato di tradurre in dispositivi processuali gli impulsi provenienti dalle fonti europee ed internazionali, con la conseguenza che ha fatto ingresso nel codice di rito la figura del dichia- rante che necessita di specifiche esigenze di protezione. I nuovi schemi, diretti ad assumere il contributo dichiarativo della persona che si trova in un particolare stato di debolezza psicofisica, rappresentano pertanto sequenze preordinate di atti e comportamenti finalizzati a creare la prova dichiarativa dalla persona ritenuta meritevole di tutela, non soltanto dal procedimento penale, ma anche nel procedimento penale. L’autore procede quindi all’analisi delle nuove sequenze procedimentali, con cui raccogliere le dichiarazioni dei soggetti deboli, e dei nuovi congegni diretti a formare la prova dichiarativa nell’incidente probatorio ed in dibattimento.Nel percorso di esame emerge la frammentarietà caratterizzante l’intervento legislativo che dovrebbe essere sostituita da una profonda rimeditazione unitaria della protezione da garantire al dichiarante vulnerabile.Federico Cerqua Avvocato e dottore di ricerca in procedura penale. Ha indirizzato l’attività di ricerca su diversi aspetti del procedimento penale, dedicando particolare attenzione ai temi delle garanzie dell’imputato, delle misure cautelari, del procedimento a carico delle persone giuridiche. Ha pubblicato per questa Collana il volume Cautele interdittive e rito penale. Uno studio sulle alternative ai modelli coercitivi personali. 

Federico Cerqua | 2018 Maggioli Editore

24.00 €  22.80 €

Sentenza collegata
62570-1.pdf 654kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.
Redazione