Inammissibile il ricorso per silenzio inadempimento della P.A. proposto per l’esecuzione di atti autoritativi già adottati

Scarica PDF Stampa
Con la decisione n° 1229/2018 , la Seconda Sezione del T.A.R. Campania- Salerno ha precisato che il rito avverso il silenzio inadempimento della P.A. è esperibile soltanto laddove sussista una disposizione puntuale impositiva di un obbligo di provvedere ovvero laddove quest’ultimo sia inequivocabilmente ricavabile dal sistema giuridico .
E’, invece, estranea alla sfera di operatività dell’istituto del silenzio inadempimento l’ipotesi in cui il riconoscimento della pretesa del privato prescinda dall’intermediazione provvedimentale e sia richiesto l’ esercizio della funzione amministrativa come mero facere esecutivo di atti autoritativi già adottati .
L’obbligo di provvedere sussiste per l’Amministrazione, infatti, solo a fronte dell’istanza del privato che implichi l’adozione di un provvedimento autoritativo, e, pertanto, l’azione contro il silenzio inadempimento non è esperibile contro qualsivoglia tipologia di omissione amministrativa, restando esclusi dal suo ambito oggettivo di applicazione gli obblighi di eseguire che richiedano, per il loro assolvimento, un’attività materiale, di natura non provvedimentale.

Punti rilevanti nella pronuncia

La sentenza rileva che gli artt. 31 e 117 c.p.a. si riferiscono sempre e comunque all’attività propriamente amministrativa, anche se sprovvista di discrezionalità, non riguardando invece fattispecie adempitive collegate a mere attività materiali post-provvedimentali, le quali nulla hanno a che vedere con l’atto vincolato e/o consequenziale.
In particolare, l’azione ex artt. 31 e 117 c.p.a. non è strumento processuale esperibile per superare qualsivoglia inerzia amministrativa, e, pertanto, non è proponibile, allorquando, a fronte di una determinazione già assunta in senso favorevole all’interessato e autoesecutiva, attraverso cui l’Amministrazione abbia ormai esercitato e consumato il proprio potere, non si richieda al Giudice adìto di ordinare un’attività provvedimentale , ma gli si richieda di ordinare un facere imprecisato, se non per il fatto di essere volto a far rispettare, o addirittura a reiterare meramente, la determinazione anzidetta, a salvaguardia di una pretesa che è invece tutelabile, nei confronti di terzi privati, innanzi al Giudice ordinario.

Volume consigliato

Diritto amministrativo

Con l’introduzione del Codice del processo amministrativo (d.lgs 2 luglio 2010, n. 104), si è pervenuti ad una disciplina organica ed unitaria del giudizio, sia nella scansione delle fasi processuali che nella completezza dei singoli istituti che le compongono. Il sistema di giustizia amministrativa evolve dunque nella conformazione al principio del “giusto processo” di cui all’art. 111 Cost., presentando un modello teso a perseguire la massima effettività e pregnanza della tutela nei confronti degli atti e comportamenti delle amministrazioni pubbliche. Nella prospettiva di un costante miglioramento del “servizio giustizia” l’Accademia, il Foro e la Magistratura sono chiamati ad affrontare le nuove sfide del giudizio amministrativo, rappresentate dalle recenti regole sulla sinteticità degli atti e dall’entrata in vigore, a decorrere dal mese di gennaio 2017, del processo amministrativo telematico (PAT). L’obiettivo è rafforzare ulteriormente l’effettività della risposta giudiziaria, anche grazie all’innovazione tecnologica, contenendo la durata dei giudizi in tempi ragionevoli. Il traguardo è ambizioso, ma realizzabile.  Questo secondo Volume vuole, per un verso, essere uno strumento di studio e approfondimento del diritto amministrativo processuale che dia conto degli assetti e della evoluzione della giustizia, nei termini sopra indicati, e per altro verso, inserirsi nel necessario completamento della ricostruzione sostanziale esposta nel primo Volume, offrendo così un’opera esaustiva e aggiornata tra i “manuali del sapere”.CuratoriGabriele Carlotti è Consigliere di Stato, Segretario delegato per il Consiglio di Stato. Dottore di ricerca in diritto pubblico e giudice tributario, ha lavorato per la Banca d’Italia e la S.I.A.E.; ha svolto le funzioni di magistrato ordinario e di magistrato amministrativo presso i TT.aa. rr.; ha ricoperto gli incarichi di Capo dell’Ufficio legislativo del Ministero dell’economia e delle finanze (settore finanze) e di Consigliere giuridico dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico. È autore di numerosi articoli su vari argomenti giuridici, nonché di opere collettanee e di monografie di diritto amministrativo. Alberto Clini è professore associato di diritto amministrativo e insegna diritto processuale amministrativo presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino “Carlo Bo”. Ha insegnato Diritto amministrativo, Diritto pubblico dell’economia e Istituzioni di Diritto pubblico. È autore di numerosi articoli su vari argomenti giuridici, nonché di opere collettanee e di monografie di diritto amministrativo. AutoriMassimiliano Bellavista, ricercatore di diritto amministrativo, abilitato a professore di II fascia (Università di Siena).Giuseppina Buia, dottoranda di ricerca (Università del Salento).Biagio Giliberti, professore straordinario a t. d. di diritto amministrativo (Università Pegaso)Loriano Maccari, professore incaricato di Governo del territorio (Università di Urbino “Carlo Bo”).Massimo Monteduro, professore associato di diritto amministrativo (Università del Salento).Luca Raffaello Perfetti, professore ordinario di diritto amministrativo (Università di Bari).Federico Romoli, dottore di ricerca in diritto amministrativo.Saverio Sticchi Damiani, professore associato di diritto amministrativo, abilitato a professore di I fascia (Università del Salento).Francesco Fabrizio Truccari, professore associato di diritto amministrativo, abilitato a professore di I fascia (Università del Salento).Sara Valaguzza, professore associato di diritto amministrativo, abilitata a professore di I fascia (Università Statale di Milano).Stefano Villamena, professore associato di diritto amministrativo (Università Macerata).

a cura di Gabriele Carlotti e Alberto Clini | 2017 Maggioli Editore

24.00 €  22.80 €

Sentenza collegata
61398-1.pdf 92kB
Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati Iscriviti
Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.