Immobili donati ai figli per eludere le garanzie in danno dell’erario: sono confiscabili?

di Biarella Laura, Avvocato, Giornalista Pubblicista, Docente
PDF

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - sez. III pen. - sentenza n. 4456 del 09-02-2022

Nell’ambito di un reato tributario non risulta confiscabile il bene immobile donato ai figli ove non sia dimostrato che la donazione sia stata preordinata a sottrarre le garanzie in danno all’erario. Lo ha statuito la III Sezione Penale della Corte di Cassazione, nella Sentenza 9 febbraio 2022, n. 4456.

La disposizione della confisca in appello

La Corte di appello aveva accolto il gravame col quale il P.G. aveva impugnato la sentenza del Tribunale, dichiarativa della penale responsabilità di un uomo in ordine al reato tributario di cui al D.P.R. n. 74/2000, articolo 10-ter, per avere omesso il versamento della somma dovuta, in veste di legale rappresentante di una S.p.A., a titolo di Iva, per oltre 870.000,00 Euro e, pur avendolo condannato alla pena di giustizia, non aveva irrogato a carico del predetto le sanzioni accessorie stabilite dalla normativa di settore in caso di sentenza di condanna.

La mancata prova della fittizietà delle donazioni

L’uomo ha interposto ricorso per cassazione dove, tra gli altri motivi, ha lamentato l’avvenuta conferma della confisca per equivalente di taluni cespiti immobiliari, già a lui facenti capo, ma donati ai propri figli circa 8 mesi prima che vi fosse ricaduto il sequestro preventivo, e senza che i giudici di merito avessero dimostrato la natura meramente fittizia e apparente delle donazioni e, pertanto, la non veridicità dell’intestazione dei beni in questione in favore di terzi estranei al reato.


Per avere una pratica guida su come donare ai figli senza incorrere in errori, consigliamo il volume “Come donare ai figli” edito da Maggioli Editore. L’opera intende rispondere ai principali e più frequenti interrogativi, ponendosi come ausilio nell’attività professionale pratica e nella gestione della vasta casistica che da sempre si sviluppa attorno alla materia.
>> Clicca QUI per maggiori informazioni


L’accoglimento del motivo afferente alla confisca per equivalente

Il collegio della III Sezione Penale, nell’accogliere la doglianza, ha osservato che all’imputato è stata contestata solo la violazione dell’art. 10 ter del D.Lgs. n. 74/2000 e non anche dell’articolo 11, al contempo rilevando che l’articolo 12-bis dispone che, in caso di condanna per uno dei reati preveduti dal medesimo D.Lgs., è sempre ordinata la confisca diretta dei beni che ne costituiscono il prezzo o il profitto, ovvero, quando ciò sia impossibile, quella per equivalente di beni aventi identico valore. Il collegio ha rilevato che il rigore di tale previsione risulta mitigato dalla circostanza che non deve trattarsi di beni dei quali l’appartenenza sia di spettanza di un terzo estraneo al reato, o dei quali il condannato non abbia la disponibilità, sebbene questa vada intesa in termini non di formale titolarità ma di semplice libera relazione materiale con il bene. Nel caso di specie, infatti, il ricorrente non è il proprietario dei beni attinti dal provvedimento di confisca, essendo stati questi donati ai figli, terzi apparentemente estranei rispetto al reato commesso, in data anteriore al provvedimento di sequestro preventivo che li ha colpiti.

La permanenza dell’effettiva disponibilità dei beni in capo all’imputato

La Corte territoriale, pur investita del relativo motivo di impugnazione, si è limitata ad osservare che la donazione “fu effettuata con una finalità indubbiamente strumentale, in quanto diretta a sottrarre i beni alla garanzia patrimoniale dell’ingente obbligazione tributaria già sussistente in capo alla S.p.A.”, presupponendo il cd. “consilium fraudis”, e ritenendo insussistente lo stato di buona fede sia del donante che dei suoi figli donatari. Tuttavia, il collegio di legittimità ha osservato che i colleghi di merito, oltre ad avere introdotto, in termini di non provata presupposizione, degli elementi, come la non estraneità, tramite un indimostrato consilium fraudis, dei figli (attuali titolari dei beni) all’ipotesi di reato, che avrebbe dovuto giustificare una contestazione dell’art. 11 del D.Lgs. n. 74/2000, mai intervenuta, ha inoltre dato per sufficiente, ai fini della dimostrazione della mera fittizietà della cessione e, quindi, della permanenza della disponibilità dei beni in capo al cedente, il mero fatto che la cessione fosse stata eseguita in danno del creditore erariale.

La donazione dei beni ai figli mantenendone o meno la disponibilità

L’ipostasi, per il collegio di legittimità, è “meramente assertiva e priva di ampia affidabilità”, posto che il cedente potrebbe avere realmente ceduto il bene, senza averne mantenuto alcuna effettiva disponibilità, solo al fine di preferire a quella dell’Erario la posizione economica di altro soggetto. Condotta questa, sempre secondo i giudici romani, in esito alla quale non sussisterebbero gli elementi per ritenere sussistere le condizioni per procedere, secondo i termini delineati all’art. 12 bis del D.Lgs. n. 74/2000, alla confisca per equivalente di un valore pari all’importo del profitto o del prezzo, conseguiti tramite la commissione del reato.

Annullamento in punto di confisca

L’argomento, speso dalla Corte territoriale in termini di pretesa adeguatezza motivazionale, al contrario, è stato giudicato meramente assertivo dai giudici di legittimità. Pertanto, il collegio romano, pur dichiarando l’irrevocabilità della sentenza in ordine all’affermazione della penale responsabilità dell’imputato, l’ha al contempo annullata limitatamente alla confisca, con rinvio per nuovo giudizio sul punto alla Corte di appello, alla quale è stato devoluto un nuovo esame in punto di conservazione, o meno, da parte dell’imputato, della materiale disponibilità dei beni, da lui donati ai figli.

Consigliamo il volume:

COME DONARE AI FIGLI

• Donazione a figli maggiorenni e minorenni
• Le ricadute pratiche della donazione
• Il passaggio generazionale
• Gli aspetti tributari

22,80 €

 

Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

laura-biarella

Biarella Laura

Laureata cum laude presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, è Avvocato e Giornalista. È autrice di numerose monografie giuridiche e di un contemporary romance, e collabora, anche come editorialista, con redazioni e su banche dati giuridiche (tra le altre Altalex, Quotidiano Giuridico, NTPLus, 24OreAvvocato, AlVolante, InSella, Diritti e Risposte, Orizzonte Scuola, Fisco e Tasse, poliziamunicipale.it). Ha svolto le funzioni di membro aggiunto presso la Corte d’Appello di Perugia, ai sensi della L. n. 69/1963. Già “cultore della materia” presso Università degli Studi E Campus nelle cattedre di “diritto privato” e “diritto della conciliazione, della mediazione e dell’arbitrato”, è moderatrice e relatrice di convegni, docente presso corsi di formazione e corsi di preparazione all’esame di abilitazione di avvocato. E' stata professore a contratto di “Arbitrato” presso l’Università degli Studi E Campus, Master in ADR, sedi di Roma e Novedrate. E' stata membro del Comitato Scientifico del corso di preparazione dell’esame di avvocato Altalex. Ha svolto docenze di diritto e procedura civile presso la Scuola Forense dell'Ordine degli Avvocati di Perugia, ed ivi ha ricoperto il ruolo di Segretario del Comitato Scientifico. Svolge la funzione di Tutore legale presso il Tribunale dei Minorenni dell’Umbria. E' membro del Comitato di Redazione del mensile 24Ore Avvocato.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

  • Rimani aggiornato sulle novità del mondo del diritto
  • Leggi i commenti alle ultime sentenze in materia civile, penale, amministrativo
  • Acquista con lo sconto le novità editoriali – ebook, libri e corsi di formazione

Rimani sempre aggiornato iscrivendoti alle nostre newsletter!

Iscriviti alla newsletter di Diritto.it e