Il sollecito del promissario acquirente per la stipula del contratto definitivo impedisce la prescrizione

Il sollecito del promissario acquirente per la stipula del contratto definitivo impedisce la prescrizione

di Mazzei Martina, Avv.

Qui la sentenza: Corte di Cassazione - II sez. civ. - sentenza n. 32224 del 10-12-2019

Versione PDF del documento

Condividi con:

 

Il caso

La pronuncia in commento origina dal contenzioso sorto tra le parti di un contratto preliminare avente ad oggetto l’acquisto di un immobile. Dopo la stipulazione del preliminare e il pagamento dell’intero prezzo, la cessione non si era, infatti, formalizzata in atto pubblico nonostante il sollecito del promissario acquirente che aveva agito per ottenere sentenza ai sensi dell’art. 2932 c.c.

Il promissario alienante, costituitosi in giudizio, aveva eccepito la prescrizione del diritto azionato.

Il Tribunale rigettava la domanda attorea – decisione confermata poi anche in appello – ritenendo che gli atti di interruzione della prescrizione sono quelli tipizzati negli artt. 2943 e 2944 c.c., in mancanza dei quali nessuna efficacia interruttiva poteva essere riconosciuta alle ripetute dichiarazioni del proprietario del bene di essere disponibile alla stipula del contratto definitivo.

Il promissario acquirente ricorreva, quindi, per Cassazione deducendo a sostegno 6 motivi.

I motivi di ricorso

Per quanto di interesse con il quinto motivo il ricorrente censura, in relazione all’art. 360 co. 1 nn. 3 e 4 c.p.c., la violazione e falsa applicazione degli artt. 99, 100, 101, 115, 116, 156, 159, 245, 228, 230, 231 e 232 c.p.c., per avere la corte d’appello ritenuto, allo stesso modo del giudice di prime cure, irrilevanti ai fini dell’efficacia interruttiva della prescrizione, le ripetute dichiarazioni del proprietario del bene di essere disponibile alla stipula del contratto definitivo o al suo disinteresse alle vicende condominiali e, in ragione di ciò, ritenuto irrilevante la prova testimoniale richiesta sul dette circostanze.

La decisione della corte

La Corte di Cassazione ha accolto il quinto motivo di ricorso e cassato la sentenza con rinvio alla Corte d’appello in diversa composizione.

La seconda sezione precisa, in primo luogo, che l’eccezione di interruzione della prescrizione, in quanto eccezione in senso lato, può essere rilevata d’ufficio dal giudice in qualunque stato e grado del processo sulla base di elementi probatori ritualmente acquisiti in atti, onde, a tal fine, per decidere sulla questione di prescrizione introdotta dalla parte convenuta, il giudice deve tener conto del fatto, anche dedotto in giudizio prima della suddetta eccezione, idoneo a produrre l’interruzione, qualora l’attore abbia affermato il proprio diritto ritualmente e rettamente provandone la sussistenza e la persistenza (cfr. Cass. 9053/2007; 13966/2007; Sez. Un. 15661/2005).

Sulla scorta di queste considerazioni la Suprema Corte, con la sentenza in epigrafe, ha statuito che, nel caso di specie, il giudice d’appello non ha correttamente valutato l’allegata circostanza della ripetuta disponibilità manifestata dal convenuto a stipulare il contratto definitivo. Si tratta, cioè, di un comportamento che appare oggettivamente idoneo ad interrompere il decorso della prescrizione e che, al contrario, non risulta correttamente sussunto dalla corte territoriale nell’ambito dei principi di diritto che disciplinano la materia della prescrizione, in particolare, nell’art. 2937 co. 3 c.c., che prevede la rinuncia alla prescrizione risultante da un fatto incompatibile con la volontà di avvalersene.

L’eccezione di rinuncia alla prescrizione configura, peraltro, un’eccezione in senso lato e può essere presa in esame d’ufficio dal giudice purché i fatti sui quali si fonda anche se non allegati dalle parti, siano stati ritualmente acquisiti al processo (cfr. Cass. 963/1996; 7411/2003; 4804/2007; 24113/2015).

Volume consigliato

Nuovo formulario commentato del processo civile

Nuovo formulario commentato del processo civile

Lucilla Nigro, 2018, Maggioli Editore

Con oltre 200 Formule, corredate ciascuna dalla Norma di Legge, Commento, Termini di Legge o scadenze e preclusioni e Massime Giurisprudenziali, il testo si configura come uno strumento operativo di grande utilità per il Professionista che deve impostare un’efficace strategia...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

martina-mazzei

Mazzei Martina

Dottoranda di ricerca in Diritto Processuale Civile presso Università La Sapienza di Roma. Avvocato del Foro di Roma. Laureata in giurisprudenza con 110 e lode presso l’Università degli Studi di Roma Tre con una tesi risultata la migliore nell’anno accademico 2016-2017 per la materia Diritto processuale civile. Ha svolto la pratica forense a Roma e ha ultimato, con esito positivo, tirocinio ex art. 73 della L. n. 69/2013 presso la Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’appello di Roma. Collabora con diverse riviste giuridiche ed è autrice di numerose pubblicazioni scientifiche e della monografia dal titolo “Il potere del giudice di interpretazione della domanda giudiziale” edita da Maggioli Editore ISBN 978-88-916-3651-5.


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Se sei interessato a un ambito specifico effettua l’iscrizione direttamente a questo indirizzo.

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alle newsletter!