Doppio grado di giudizio e nuova istanza misure cautelari

Doppio grado di giurisdizione e riproposizione della domanda cautelare

Alessandro Biamonte Referente Area Diritto Amministrativo

Qui la sentenza: Consiglio di Stato - IV sez. - ordinanza n. 2587 dell'8-06-2018

Versione PDF del documento

In ossequio alla regola del doppio grado di giudizio, applicabile anche alla fase cautelare per espresso dettato di legge, la nuova istanza di misure cautelari deve essere proposta innanzi al Giudice di primo grado mediante la proposizione di motivi aggiunti.
Non può considerarsi circostanza sopravvenuta né vizio revocatorio, utile ex art. 58 c.p.a., la inammissibile proposizione nel giudizio di primo grado di un atto di intervento ad adiuvandum formulato da un soggetto che avrebbe dovuto proporre ricorso autonomo e che non vanta, conseguentemente, una posizione soggettiva di interesse dipendente da quella della parte ricorrente (cfr. sul punto Ad. plen., n. 23 del 2016; n. 9 del 2015; n. 1 del 2015; successivamente Cons. Stato, Sez. III, n. 442 del 2016);
Qualsivoglia attività svolta in mera esecuzione di una misura cautelare, poi venuta meno, è automaticamente caducata ex tunc, poiché quelli cautelari sono sempre effetti interinali (cfr., ex pluribus e da ultimo, Cons. Stato, Sez. IV, n. 2695 del 2016).

Volume consigliato

Il processo amministrativo telematico (PAT)

Il processo amministrativo telematico (PAT)

Carmelo Giurdanella - Elio Guarnaccia, 2017, Maggioli Editore

Il 1° gennaio 2017 è entrato in vigore il processo amministrativo telematico, le cui regole tecnico-operative sono dettate dal D.P.C.M. 16 febbraio 2016, n. 40. La presente opera, con formulario e schede pratiche, è un supporto concreto all’attività di operatori,...



Diventa autore di Diritto.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it

Gruppo Maggioli
www.maggioli.it

Ricevi tutte le novità di Diritto della settimana 
in una pratica email  direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Non abbandonare Diritto.it
senza iscriverti alla newsletter!